Francesca De Andrè: quella frase incriminata le costa la squalifica?

Redazione

Realmente squalificata dal Grande Fratello 16 per quella frase shock pronunciata?

Ancora non è chiara la dinamica della squalifica, ma secondo le indiscrezioni trapelate sul web Francesca De Andrè sarebbe stata squalificata dalla casa per una frase incriminata durante una discussione.

In pratica Francesca durante una discussione nella casa, sarebbe andata su tutte le furie pronunciando la frase: “A casa mia!”, ripetendolo più volte “Io gli do fuoco!”. Tutto questo dopo che dallo studio le sono state mostrate alcune doto del fidanzato con ua ragazza bionda.

E’ stato proprio nell’ultima puntata del reality che la conduttrice, Barbara D’Urso, ha mostrato a Francesca delle foto nelle quali sarebbe stato ben visibile il fidanzato accanto ad una ragazza bionda.

Intanto è arrivato anche l’appello di Gessica Notaro, che ha condiviso il suo pensiero:

Ho visto ieri sera la diretta del GF, e ho assistito al discorso di Francesca De Andrè e al presunto tradimento, mi dispiace tantissimo, è una cosa che nessuna donna vorrebbe vivere. Non posso passar sopra alle parole che sono uscite dalla sua bocca, anche solo in un momento di rabbia: ‘Lo brucio vivo’”.

Posso capire la rabbia del momento, però se lo avesse detto a casa tra le sue mura poteva andar bene. Ma in un’epoca come questa, dove succede quello che succede, sentir dire una frase del genere… La ragazza lo sa che essere sotto le telecamere costantemente, sa che si gioca duro e che a volte accadono cose spiacevoli. E quindi come vengono presi provvedimenti nei confronti degli uomini che dicono certe cose, io chiedo per cortesia che venga preso un provvedimento anche nei confronti di questa ragazza”.

Come andrà a finire la vicenda a questo punto?

Next Post

Cassazione, non si possono riconoscere bimbi con due papà

Negli ultimi tempi la Cassazione ha preso decisioni spesso “rivoluzionarie”, rispetto quantomeno al recente passato, arrivando a segnare la strada di cambiamenti epocali in molti settori. Ma evidentemente in Italia non c’è ancora abbastanza maturità, morale e legislativa, per accettare quello che altrove avviene già da anni, riconoscendo diritti che […]