Francesco Facchinetti: mi faccio giustizia da solo se…

Subire delle ingiustizie o dei veri e propri reati non è facile per nessuno, ma farsi giustizia da soli, aggirando la legge, non è certo la soluzioni: il messaggio quindi, che Francesco Facchinetti ha lanciato sui social nelle scorse ore, è comprensibile, ma non può e non deve essere condiviso e condivisibile.

Le righe con cui Francesco Facchinetti racconta la rapina subita dal padre in casa propria sono colme di ira: “Basta mi sono rotto i coglioni. Ieri mattina alle 11.30, ripeto di mattina è entrato un mostro, una bestia, in casa di mio papà. Lì vivono anche i miei fratelli, il marito di mia sorella Giulia e il mio piccolo nipote Lorenzo. Questo animale di 2 metri ha cercato prima di rubare e poi, una volta scoperto da Yuri, lo ha tramortito per poi scappare via”.

“Ma vi rendete conto: la domenica mattina. Tutto questo è follia. Peggioriamo ogni giorno di più – continua Facchinetti -bisogna reagire e se non lo facciamo noi, non lo farà nessuno per noi”.

Poi conclude: “Sto andando a comprarmi un arsenale, se qualcuno entra in casa mia con i miei figli non esce vivo. Se lo Stato non mi difende, lo farò da solo. Mi prendo tutte le responsabilità di quello che ho detto”.

Un annuncio che ovviamente non è passato inosservato ai suoi migliaia di followers che si sono divisi tra chi gli dava ragione e chi invece giudicava eccessiva la sua reazione.

«Per i perbenisti da tastiera fatemi sapere come reagite quando vi entrano in casa con i vostri figli di pochi mesi», ha replicato Facchinetti Jr. alle critiche.

Loading...
Potrebbero interessarti

Francesco Nuti, parla chi ha avuto il coraggio di denunciare

Non solo la malattia, che lo ha reso invalido e gli ha…

Vittorio Sgarbi continua la sua guerra a Il Volo

Ormai l’ha presa proprio sul personale Vittorio Sgarbi, che proprio non ci…