Franco Trentalance ha deciso di chiudere col cinema hard

Ci sono uomini, come Rocco Siffredi, che hanno un rapporto così stretto col mondo del porno da andare ben oltre il semplice “lavoro”, ed altri invece che lo considerano un mestiere come un altro, da cui ritirarsi per potersi dedicare ad altre attività.

A quasi 50 anni Franco Trentalance ha deciso di abbandonare quei set a luci rosse che, per 20 anni, sono stati la sua casa con all’attivo 445 pellicole hard, innumerevoli premi e il titolo di icona stessa del porno made in Italy.

Ai microfoni di Radio 105 ha così commentato: “La mia carriera è stata lunga e fortunata, più di quanto potessi immaginare, ho potuto trasformare una mia grande passione in un mestiere, cosa che non tutti hanno la fortuna di riuscire a fare. (…) Come i migliori sportivi voglio chiudere la mia carriera all’apice del successo e della forma fisica. È una scelta. Voglio dedicarmi al coaching, alla scrittura e all’enogastronomia che da emiliano-romagnolo rappresenta per me uno stile di vita. Eros e cibo, difatti, sono in continuo dialogo e sarà interessante unirli in collaborazione con aziende di qualità che credono in questo binomio”.

Comunque può ritirarsi a testa alta, perché grazie alla sua popolarità, è riuscito a far cadere molti tabù che giravano intorno al mondo del porno e alla sessualità in generale: “Sono contento di aver dato e di dare, un buon contributo nello sbloccare alcuni tabù che in Italia sono ancora piuttosto radicati. Con la mia attività basata su molta pratica e poca teoria, ho sviluppato alcune competenze e teorie che ritengo interessanti, tant’è che ogni giorno ricevo decine di richieste per avere pareri e consulenze riguardo a difficoltà sessuali e relazioni di coppia in genere. Da qui miei recenti video-corsi su seduzione e sesso che stanno ottenendo ottimi riscontri sul web”.

Trentalance nella sua carriera è stato anche un personaggio televisivo, ha partecipato – infatti – a svariate trasmissioni come “Le Iene”, il “Maurizio Costanzo Show”, “Avanti un Altro Vip”, “Stracult”, “Lucignolo” e “La Talpa” e ha prestato la voce a numerosi programmi radiofonici di successo.

Next Post

Bologna, dice addio a Barbarella, la nonnina dei colori

Bologna sicuramente sarà più triste senza l’allegria di Barbarella, da tutti conosciuta come la “nonnina dei colori”. “La regina”, “la signora” o “la nonnina” dei colori, con questi appellativi era nota Maria Luisa Berti, la “Barbarella” bolognese nata nel 1928 che al suo passaggio “colorato” riempiva di gioia le strade. […]
Bologna, dice addio a Barbarella, la nonnina dei colori