Georgia, giustiziata nonostante il Papa

Eleonora Gitto

In Georgia giustiziata un’americana nonostante l’appello del Papa, che chiedeva l’abolizione della pena capitale.

Evidentemente il Papa, media a parte, non è che abbia una così grande influenza sulle coscienze di certi americani.

Il Pontefice parla negli Usa schierandosi contro la pena di morte, e cinque giorni dopo giudici e giurie decidono di ammazzare, perché di questo si stratta, Kelly Gissendaner.

La quale è stata riconosciuta colpevole di aver progettato l’omicidio del marito, eseguito poi dall’amante.

Ma l’amante è stato condannato all’ergastolo, e anzi, fra qualche anno sarà liberato. Invece Kelly è stata giustiziata.

E l’amante, per ottenere una condanna più mite, ha vigliaccamente testimoniato contro l’amante.

Insomma, lei ammazzata, e lui vigliacco, vivo, e fra qualche anno libero. Bella giustizia, tutta americana.

Il Pontefice non è riuscito a fermare l’iniezione letale, con una lettera scritta dal vescovo Carlo Maria Viganò. Gli avvocati della Gissendaner avevano provato tre volte a bloccare l’esecuzione, ma poi non c’è stato nulla da fare.

In ultima istanza il giudice della contea di Fulton, ha confermato l’esecuzione, e lo stesso hanno fatto le autorità della Contea. I civilissimi Stati Uniti d’America, in termini di diritto in genere, e di diritti umani in particolare, hanno ancora molto da imparare.

Next Post

Auto, la svolta: arriva CDPD il certificato di proprietà digitale

Arriva il CDPD, ossia il certificato di proprietà digitale attraverso il quale l’automobilista potrà consultare le informazioni che gli servono. Niente più panico da smarrimento, furto o deterioramento del documento cartaceo, dunque, con la nuova digitalizzazione del certificato di proprietà tutto sarà meno complicato. Per visionare il proprio certificato di […]