Gianna Nannini, l’incredibile passato della cantante
Gianna Nannini incredibile passato della cantante

Oggi è un’artista affermata a livello internazionale ed è un’orgogliosissima mamma di una bambina che è riuscita ad avere ad oltre cinquant’anni, ma alle spalle ha una vita non sempre semplice, ed anche se non lo ha mai nascosto, oggi finalmente si sente pronta a metterlo nero su bianco.

Gianna Nannini si è infatti confessata senza filtri con Vanity Fair: l’adolescenza, gli esordi, la vita privata e i momenti più difficili, fino al successo incredibile, ai diciannove album che ha alle spalle e a quello che è pronta a lanciare.

La Nannini parte dall’adolescenza e dalla difficoltà di accettarsi:

Da ragazza non mi piacevo ed evitavo di guardarmi allo specchio. Mi vedevo brutta. Il naso lungo, le tette che di diventare grandi non volevano proprio saperne, lo sviluppo che tardava ad arrivare e un canone estetico che non collimava con quello in voga. L’adolescenza è un’età terribile. Come rimani male nell’adolescenza, dopo non rimani più”.

Poi gli anni delle dipendenze, in primis dalla droga:

“Non stavo mai senza cocaina, ci viaggiavo, ero del tutto incosciente. Un giorno vado in bagno e mentre scarto il sasso rosa, quello mi cade nel cesso. Lo vedo sparire nell’acqua e, mentre si scioglie lentamente e sto per metterci le mani dentro, mi dico:

‘Non posso fare questa cosa, non posso ridurmi così’. Ho smesso lì. Il giorno dopo. Poi ho avuto una ricaduta, ma dopo aver fatto un tiro e aver bevuto una tequila prima di un concerto, collassai e dissi definitivamente basta”.

E non si risparmia neppure dinanzi alla domanda sui suoi gusti sessuali:

“A me le divisioni, a partire da quelle di genere, non mi hanno mai interessato granché. Ho sempre amato uomini e donne e soprattutto non ho mai avuto freni nel sentire e seguire quello che volevo. Le ho sempre rifiutate, le definizioni. Al termine “coming out”, che ghettizza, ho sempre preferito la parola libertà. Alla parola gay, che ti pretenderebbe felice e ormai non usano più neanche in America quando indicono un pride, preferisco frocio. Chi è libero nel linguaggio è libero dentro”.

foto@Wikipedia

Loading...
Potrebbero interessarti

Miss UK rinuncia alla corona per non rinunciare alle sue curve

Ci sono donne disposte a tutto pur di essere riconosciute come le…

Porno spopola sul web, la protagonista è di Pagani

E’ caccia aperta per rintracciare, a Pagani, la protagonista di un filmato…