Gli Eagles of Death Metal desiderano finire il concerto al Bataclan

Sono gli unici artisti che avrebbero il diritto di arrendersi alla paura: dopotutto c’erano loro sul palco al Bataclan, quella terribile notte in cui i terroristi dell’Isis hanno seminato morte e terrore, sconvolgendo una nazione e il mondo intero.

Mentre i maggiori artisti internazionali annullano i loro tour, per paura di nuovi attacchi, il desiderio degli Eagles of Death Metal è uno solo: terminare quel concerto interrotto da mitra e bombe, far risuonare la musica in quel luogo dove loro stessi hanno rischiato di finire vittime dei terroristi assetati di sangue.

“Voglio essere il primo a suonare nel teatro, appena riaprirà”, ha spiegato Jesse Hughes, frontman degli Eagles of Death Metal.  “Non vedo l’ora di tornare a Parigi a suonare”, ha continuato Hughes intervistato da Vice. “I nostri amici erano venuti a sentire del rock&roll e sono morti. Voglio finire il concerto”.

Jesse Hughes, il cantante e chitarrista, Matt McJunkins, bassista, Eden Galindo, chitarrista, Julian Dorio, batterista, Shawn London, ingegnere del suono, hanno poi raccontato i momenti immediatamente successivi all’inizio dell’attacco e di come siano riusciti a fuggire approfittando di un momento in cui gli attentatori stavano ricaricando le proprie armi.

Nell’attentato ha perso la vita un membro dello staff della band, il merchandise manager Nick Alexander.

Next Post

I lavoratori italiani si ammalano di lunedì

Certamente ci sarà qualcuno che nei fine settimana magari è più spericolato, magari prende freddo e di lunedì si ammala, ma appare piuttosto strano che sia proprio il primo giorno della settimana quello che i lavoratori italiani prediligono per inviare al proprio datore di lavoro il certificato di malattia. Stando […]