Google, riprovarci con Android One ma a prezzi dimezzati

Se nei paesi occidentali per smartphone di fascia medio bassa si intende un dispositivo che arriva a costare anche fino a 400 euro, un discorso a parte bisogna fare per i paesi in via di sviluppo, che non hanno risorse da investire in beni considerati di lusso.

Google ci aveva pensato a fondo e l’anno scorso aveva così di lanciare il progetto Android One , volto a creare smartphone economici per i paesi in via di sviluppo: dispositivi dalle caratteristiche basi, che si aggiravano intorno ai 100 dollari.

Eppure, per ammissione degli stessi vertici, il programma è stato un flop, con pochissimo mercato conquistato, ma il colosso non ha certo gettato la spugna ed ora ci riprova: intervistato dal Financial Times, il direttore della compagnia per l’India e il sudest asiatico, Rajan Anandan, ha spiegato che i nuovi piani per l’iniziativa saranno svelati nelle prossime settimane.

La società di Mountain View tenterà di abbassare ulteriormente i prezzi (nel tentativo di raggiungere la soglia dei 50 dollari per smartphone) e in secondo luogo proverà a proporre servizi nuovi ed esplicitamente destinati ai mercati emergenti.

Anandan spiega anche come, da qui a dieci anni, c’è da aspettarsi circa un miliardo di indiani online: un miliardo di potenziali clienti, tutti da irretire.

Next Post

Facebook, tra le risate social scompare il LOL

C’era una volta il LOL, l’acronimo di ‘ridere ad alta voce’: c’era una volta perché se un tempo i giovani sui social per ridere usavano questa espressione di origine anglosassone, ora sia i giovani anglofoni che quelli del resto del mondo hanno cambiato il loro linguaggio social. Come ha rilevato […]