Grand Theft Auto V, vietata la vendita in Australia: troppo violento e discriminante verso le donne

Grand Theft Auto V, uno dei videogiochi più popolari tra gli smanettoni delle console, è stato bandito in Australia. L’ultimo capitolo del popolare gioco della Rockstar Games è stato ritenuto troppo violento e discriminatorio verso le donne, per questo motivo Target e Kmart, i due giganti della distribuzione di giochi, ha deciso di bandirlo. La decisione è stata presa dopo una petizione presentata dalle donne australiane, che hanno raccolto oltre 40mila firme e che dichiarano “giochi come quelli educano ancora una volta le nuove generazioni a tollerare la violenza contro le donne”.

Il gioco, dopo essere stato vietato ai minori di 18 anni, è stato così ritirato dagli scaffali dei negozi di videogames. Per chi non conoscesse la trama, obiettivo del gioco è la scalata al potere criminale attraverso tutti i tipi di reati: furti, rapine e all’occorrenza anche omicidi. La grafica dell’ultimo capitolo è talmente precisa, da rendere ancora più veritiera l’esperienza di gioco.

I due colossi della distribuzione di videogiochi hanno diffuso una nota ufficiale, in cui spiegano il motivo del blocco della vendita del gioco: “Abbiamo parlato con numerosi clienti del gioco e delle preoccupazioni rispetto al suo contenuto. Alcuni sostengono che dovremmo continuare a venderlo, e rispettiamo il loro punto di vista, ma la decisione di non farlo più riflette l’opinione della maggioranza della nostra clientela”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Apple Tv nuova versione con telecomando Touch

Alla Apple Tv potrebbe andare ad aggiungersi qualche altra novità, l’ultima generazione…

App fraudolente invadono e rubano batteria ai nostri smartphone

La società Forensiq, specializzata nelle frodi on line, ha compilato un rapporto…