I cellulari possono provocare danni alla colonna vertebrale

Oltre alle ormai note onde elettromagnetiche, che causerebbero danni al cervello, i cellulari finiscono sotto accusa anche per potenziali danni alla colonna vertebrale. A lanciare l’allarme è il chirurgo ortopedico Kenneth Hansraj, che spiega: “Basta guardarsi intorno. Le persone vanno in giro con la testa piegata sul telefonino, soprattutto gli adolescenti. La testa pesa circa 5 Kg: il peso lievita fino a 22 Kg in base all’angolo che si viene a creare tra collo e colonna vertebrale in quella posizione. Queste sollecitazioni possono logorare precocemente la zona sottoposta allo sforzo e degenerare fino a dover ricorrere a interventi chirurgici”.

Tra gli adolescenti c’è un uso smodato dei cellulari, quindi sono loro i soggetti maggiormente a rischio che potrebbero avere dei danni in età più avanzata. Analizzando i dati della ricerca del dottor Hansraj, piegare la testa a 15 gradi equivale a caricare il collo di circa 12 chili. Piegarla a 45 gradi significa caricare il collo di 22 chili, e piegarla a 60 gradi addirittura fino a 27 chili.

Com’è noto nel caso di problemi alla colonna vertebrale non sono possibili interventi chirurgici, ma si possono solo adottare metodi per non caricarla eccessivamente. Tuttavia per chi usa troppo il pc le cose non vanno meglio: chi è seduto per troppe ore fisso davanti ad uno schermo rischia di avere rallentamenti del cervello, mal di schiena e addirittura malattie cardiache. Insomma va bene una società sempre connessa, ma precedenza sempre alla salute personale.

 

Potrebbero interessarti

Stai ingrassando? Colpa dello stress da lavoro

Lo stress da lavoro potrebbe essere uno dei principali fattori quando si…

Dieta macrobiotica, attenzione al rischio di carenze nutrizionali

Nei giorni scorsi abbiamo sentito parlare molto di dieta microbiotica, ma in…

Vaccinazioni, la Regione Lombardia invita le famiglie a mettersi in regola

La Regione Lombardia invita le famiglie a mettersi in regola con le…

L’aria inquinata uccide, anche a concentrazioni non elevate

Una notizia, a dir poco, allarmante arriva dal mondo della medicina: l’aria…