Il Papa a Cuba: una svolta, secondo il Cardinal Maradiaga

Eleonora Gitto

Secondo il Cardinal Maradiaga il viaggio del Papa a Cuba rappresenta una svolta.

Il Cardinale afferma, con la sua autorevolezza, che “il viaggio del Papa a Cuba è un passo avanti della Chiesa.

E i discorsi che negli Stati Uniti Francesco farà al Palazzo di Vetro e davanti al Congresso, conterranno una grande forza”.

“I frutti si vedranno al ritorno”, prosegue Maradiaga, “quando il Pontefice affronterà il Sinodo delle famiglie, e al suo termine uscirà una Chiesa vestita a festa e piena di misericordia”.

Il Cardinale Maradiaga, con la sua solita lucidità, parla della Chiesa, ancora convalescente per un intervento a una gamba.

Il personaggio non si ferma solo a esercitare il ruolo di prete di spicco, perché possiede un brevetto di pilota aeronautico, ha un diploma per pianoforte e uno per sassofono, ha studiato la chimica e anche la teologia.

Insomma, quasi un tuttologo. Bergoglio, suo amico, partirà domani per Cuba, in un viaggio impegnativo che lo condurrà a l’Avana, a Washington, a New York, a Philadelphia.

L’attesa è formidabile da parte di milioni di fedeli e non solo. Così come, d’altro canto, lo sono le preoccupazioni, motivatissime, dei servizi di sicurezza.

Più che una svolta, questo viaggio di Papa Francesco ha il sapore di una vera rivoluzione.

Next Post

Sla, positivi i risultati su pazienti trapiantati con staminali

Gli ultimi aggiornamenti sul trattamento della SLA, attraverso la sperimentazione delle cellule staminali, ha dato buoni frutti, si è conclusa infatti con risultati positivi, come spiega Angelo Vescovi dell’Università Bicocca di Milano. Naturalmente è presto per urlare al miracolo, e per non cadere in eccessi di ottimismo come era accaduto […]