Il Segreto, anticipazioni mercoledì 16 marzo

Anche oggi, mercoledì 16 marzo, siamo pronti, nel pomeridiano di Canale 5, ad assistere ad un’altra entusiasmante puntata de Il Segreto.

Nell’episodio odierno l’ennesimo duro sconto tra il futuro sposo di Aurora, Conrado, e la matrona Francisca Montenegro: il bel geologo è infatti riuscito a raccogliere le prove che incriminano la Montenegro per i ritardi nella costruzione delle terme, e non mancherà di farglielo presente.

Il giovane la minaccia di rendere pubblica la notizia circa i suoi tentativi di corruzione e ostruzionismo sui lavori alle terme, centro desiderato fortemente da tutta la comunità.

Naturalmente la Montenegro sfodererà la sua proverbiale superbia affermando di non temere le autorità, e di poterle corrompere facilmente, lasciando Conrado con l’amaro in bocca.

Una brutta notizia arriva anche per la coppia formata da Maria e Gonzalo: la famigliola era decisa a partire per Cuba, per cercare Pilar, presunta amante del padre Tristan, ma la piccola Esperanza si ammala di varicella, ed una partenza collettiva in simili condizioni è impensabile.

Francisca nello stesso tempo continuerà a plagiare Bosco, piuttosto depresso per la sua situazione con Ines, e a dargli qualche consiglio sul suo rapporto con la ragazza. Vedendolo in queste condizioni deciderà anche di chiedere a Melchior di avere un po’ di pazienza per la riuscita del loro piano e per il matrimonio combinato con Amalia.

Candela infine proporrà nuovamente a Ines la sua offerta, aprendole le porte di El Jaral se lei deciderà di andare via dalla Villa e allontanarsi dalla pericolosa Francisca.

Next Post

Sp1ral, il film di Orazio Guarino no redemption

No redemption, nessuna redenzione: così definisce Orazio Guarino il suo film Sp1ral in uscita prossimamente al cinema. Perché “no redemption”? La risposta la dà il regista stesso: “Quello che interessa a me non è la storia, ma il personaggio. E, in questo caso, sono partito dal concetto di fondo no redemption: ho […]
Sp1ral, il film di Orazio Guarino no redemption