Aumentano i casi di avvelenamento da funghi non controllati

Per gli amanti della natura e della vita all’aria aperta, questo è uno dei periodi dell’anno più belli: i boschi si riempiono di odori e colori unici, e tra una passeggiata e l’altra, è bello poter raccogliere noci, nocciole ma soprattutto funghi, questi ultimi in realtà, per chi ha poca dimestichezza, sono da sempre i più pericolosi, vanno controllati e soprattutto preparati in un certo modo.

I casi registrati di intossicazioni da funghi, in questo periodo, sono nettamente in aumento ma analizziamo in maniera più approfondita la cosa:

Per i funghi bisogna stare ben attenti: molte specie infatti possono essere pericolose e provocare gravi intossicazioni alimentari, che nei casi più gravi possono condurre addirittura alla morte.

Con i quattro casi di intossicazione da funghi non controllati dell’ultimo week end, salgono a undici, solo in Sardegna, le persone avvelenate e ricorse alle cure del pronto soccorso negli ospedali della provincia di Sassari.

«Questa del 2015 è una stagione con una crescita particolarmente abbondante dei funghi spontanei e la corsa dei raccoglitori nei boschi ha portato inevitabilmente i più incauti a mettere nel cestino oltre a specie buone e commestibili anche funghi pericolosi e tossici», spiega Pietro Murgia responsabile dell’Ispettorato micologico. I reparti di pronto soccorso di Sassari, Alghero e Ozieri hanno allertato i micologi reperibili giorno e notte per pazienti con sintomi gastroenterici tipici di intossicazione, dopo aver consumato funghi non controllati, considerati erroneamente commestibili.

In particolare la raccomandazione da parte degli esperti è di non consumare funghi raccolti spontaneamente senza prima aver avuto il parere di un esperto. Si consiglia poi di non raccogliere funghi troppo piccoli o troppo maturi e di non farlo con rastrelli o uncini, poi è bene riporli in cesti di canna o vimini e non in borse di plastica. Inoltre per quanto riguarda i porcini, molto ricercati per la loro prelibatezza, possono essere raccolti solo se il diametro del cappello non è inferiore ai 4 centimetri, gli ovuli solo se le lamelle sono ben visibili, mentre è vietata la raccolta del “Tricholoma equestre”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Gabriella Mereu, radiata dall’Albo il medico che cura con la parola

Gabriella Mereu, il medico che cura le malattie con la “parola”, è…

Contraccezione maschile, a un passo dall’invenzione del “pillolo”

E se in un giorno, magari non troppo lontano, la contraccezione, dal…