Infarto, rischio in aumento con il freddo

Uno studio ha messo in evidenza l’importanza della temperatura esterna per il rischio infarti, sembra infatti che le temperature più basse possano essere proprio a “rischio” per problemi cardiaci.

Le basse temperature rendono il sangue più viscoso, che può facilitare la formazione di coaguli e aumentare il rischio d’infarto del miocardio. E’ quanto dimostrato da Shuangbo Liu, dell’Università di Manitoba a Winnipeg, Canada, che ha presentato i risultati della sua ricerca, durata ben sei anni, al congresso della European Society of Cardiology (Esc) di Londra: ogni calo di 10°C della temperatura, il rischio d’infarto aumenta del 7%.

“Abbiamo studiato gli effetti della temperatura sulla salute del cuore a Winnipeg, una delle grandi città più fredde del mondo. Abbiamo dimostrato che esiste una chiara relazione tra temperatura giornaliera e rischio di infarto più grave, ed è la prima volta che questo preciso legame viene studiato” ha dichiarato Liu.

Durante il congresso è stato ricordato che alle temperature basse viene associato anche un aumento del rischio di ictus ischemico nei pazienti con fibrillazione atriale. Alla luce delle nuove scoperte è bene non sottovalutare tali sbalzi di temperature, grazie alle previsioni meteo si possono scongiurare non solo influenze e raffreddori, ma anche attacchi cardiaci semplicemente coprendosi bene dal freddo. Anche una diminuzione di 5°C della temperatura media giornaliera può fare la differenza, sempre per via del’aumento della viscosità e coagulabilità del sangue.

Potrebbero interessarti

Baci del cane sono davvero così pericolosi?

Un gesto che per molti può essere quotidiano, quello di ricevere e…

Dieta, eliminare i grassi fa dimagrire più del taglio ai carboidrati

Settembre è alle porte e si dovranno fare  conti con la bilancia:…

Contraccezione, la nuova pillola senza ormoni

Quando si parla di contraccezione, il metodo più sicuro, che protegge per…

Cerotto intelligente si illumina quando rileva infezioni

Negli ultimi mesi l’Oms ha lanciato l’allarme più volte: in tutto il…