Influenza, il picco ci sarà dopo Natale

Redazione

L’influenza stagionale tarda ad arrivare in Italia, dove i casi almeno fino ad oggi sono sul livello base. Ma se i casi per il momento sono piuttosto isolati, il pericolo non è affatto scampato. Le temperature alte, decisamente inusuali per questo periodo della stagione, stanno bloccando il propagarsi del virus. Ma dopo Natale, quando le temperature dovrebbero ulteriormente abbassarsi con i primi veri freddi, ci dovrebbe essere il boom dell’influenza.

Lo spiega Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano, che analizza il ritardo dell’influenza: “Complice il clima, gli isolamenti non sono ancora molti e l’attività dei virus influenzali è a livello di base in Italia. Se le temperature continueranno a essere basse, però, possiamo aspettarci che il virus si farà sentire nelle prossime settimane, con l’aumento dei casi atteso dopo Natale, al rientro a scuola. Sono infatti i bambini, in genere, i più colpiti nelle fasi iniziali dell’epidemia”.

C’è da attendersi quindi un’impennata del virus dopo Natale. A rendere più complicate le cose potrebbe arrivare direttamente dagli Stati Uniti una variante virale, l’H3N2, che rischia di portare l’influenza ad un livello molto più intenso e diffuso. Conclude Pregliasco durante la sua intervista: “Nel nostro Paese finora i virus isolati sono quelli attesi”.

 

Next Post

Skype Translator, il programma di traduzione simultanea che abbatte le barriere

Skype ha annunciato l’imminente lancio di Skype Translation, un programma di traduzione simultanea che permette a persone che parlano lingue diverse di dialogare tranquillamente. Il servizio infatti traduce all’istante nella propria lingua madre. L’idea dell’azienda Skype è quella di abbattere le barriere linguistiche e geografiche, permettendo di mettere in connessione […]