Internet, PA italiana sempre più connessa: i dati Istat

Eleonora Gitto

Secondo il bollettino digitale pubblicato dall’Istat, la PA italiana è sempre più connessa: il 52,5% dei Comuni predisposto hotspot per la connessione a Internet wireless e gratuita.

In Italia, dunque, circa un Comune su due, ha attivato punti di accesso Wi-Fi gratuiti.

In tre anni sono stati fatti passi avanti in questo settore, infatti, grazie alla diffusione della banda larga sono raddoppiati le PA che hanno predisposto la connessione Wi-Fi gratuita almeno nei punti di maggiore interesse del loro Comune.

I dati dell’Istat fotografano la situazione del 2015. Fino a un anno fa la banda larga, era presente nel 98% delle amministrazioni locali.

La crescita si deve anche alle Regioni che si sono attivate creando anche delle strutture ad hoc dedicate all’informatica. Stessa cosa è successo nell’85,5% dei Comuni più grandi.

Per i Comuni piccoli, ovviamente, la situazione è leggermente diversa: non tutti possono permettersi un ufficio che si occupi solo di informatica, infatti, nei comuni al disotto dei 5mila abitanti, solo il 5,5% ne ha uno.

Bisogna anche dire però che non tutte le amministrazioni possono contare su una connessione veloce.

In più, gli Enti per gestire il settore informatico si avvalgono non solo di personale interno ma anche di consulenti esterni.

E se è vero che le amministrazioni offrono online il 33,8% dei servizi, è vero anche che per alcuni settori si registra ancora un forte ritardo.

Internet si utilizza per Imu, Ici o rifiuti. La copertura web è alta anche in tema di Scia, Dia e bandi di gara.

Ma per quanto riguarda capitoli come asilo nido, contravvenzioni, visure catastali, scelta del medico di base, pagamento del parcheggio e prenotazione di servizi turistici, Internet sembra ancora essere un illustre sconosciuto.

Su 100 dipendenti 90 hanno un PC dotazione. La stessa diffusione non si ha per i portatili: su 100 dipendenti solo 7,7 ne possiedono uno.

Insomma, se queste sono le cifre, per abbandonare la carta come vuole la riforma Madia, ancora ce ne vuole. Per la PA italiana telelavoro, smartworking e switch-off verso il digitale, sono ancora di là da venire.

Next Post

FF 91, al CES 2017 l’auto elettrica di Farady Future

Al CES 2017 di Las Vegas non poteva mancare un’auto elettrica davvero innovativa: FF91 di Farady Future con guida autonoma e un’autonomia di 378 miglia. Faraday Future al CES 2017 ha presentato il suo primo veicolo elettrico: FF 91. Una prima auto elettrica che è già qualcosa in più perché […]
FF 91, al CES 2017 l’auto elettrica di Farady Future