Io, Daniel Blake: il film dolce e potente di Ken Loach

Eleonora Gitto

Dolce e duro perché questo è un film che mentre commuove fa arrabbiare: dal 21 ottobre al cinema Io, Daniel Blake di Ken Loach.

Nel film si parla dei diritti negati in uno Stato che uccide. Dice il protagonista, interpretato da Dave Johns: “Il mio nome è Daniel Blake, sono un uomo, non un cane. E in quanto tale esigo i miei diritti. Esigo che mi trattiate con rispetto. Io, Daniel Blake, sono un cittadino, niente di più e niente di meno”.

Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes. Io, Daniel Blake è un film essenziale. E in questa sua essenzialità si nasconde la sua forza.

Chi è Daniel Blake? E’ un vedovo di cinquanta anni che vive a Newcastle.

Daniel, che di mestiere fa il falegname, dopo seri problemi di cuore si ritrova costretto a smettere di lavorare.

Ovviamente, non lavorando, si ritrova senza un soldo e chiede aiuto allo Stato.

Ma il suo, come quello di tanti altri, è uno Stato indifferente. Uno Stato che uccide perché condanna i suoi figli a morire di fame.

Così, Daniel si ritrova a fare i conti con la più becera delle burocrazie. La trafila è quella che conosciamo bene tutti: infiniti moduli astrusi da compilare, richieste da elaborare via internet, voci gelide di risponditori automatici che chiedono all’infinito di rimanere in attesa mentre una musichetta ossessiva rompe i timpani.

Poi le decisioni ingiuste che si devono impugnare e le file da fare. In tutto questo bailamme, Daniel incontra Katie (Hayley Squires), madre single in grosse difficoltà economiche.

Katie perde per un cavillo il diritto all’assegno mensile. I due, accomunati da questo destino infame, decidono insieme di fare battaglia alle istituzioni.

Racconta lo sceneggiatore Paul Laverty: “I due personaggi sono ispirati alle centinaia di uomini e donne dignitosi e ai loro bambini che hanno condiviso le loro storie più intime con noi”.

“Mi vengono in mente – continua Laverty – i volti di persone intelligenti e capaci, persone impaurite, persone più anziane tormentate dalla complessità del sistema e dalle nuove tecnologie”.

Nel cast anche Micky McGregor, Natalie Ann Jamieson e Colin Coombs. La produzione è di BBC, BFI, Sixteen Films, mentre la distribuzione è curata da Cinema di Valerio De Paolis.

Next Post

Michele Placido racconta il dramma della ricerca di lavoro

Un film più azzeccato, in un momento storico come questo dove la disoccupazione giovanile è alle stelle, non poteva esserci: Michele Placido porta alla Festa di Roma il suo 7 minuti (dal 3 novembre), drammatico film operaista e tutto al femminile, con Ottavia Piccolo, Cristiana Capotondi, Fiorella Mannoia, Violante Placido […]