Isis, ostaggio Cantlie annuncia atomica contro USA

Redazione

John Cantlie, l’ostaggio-megafono dell’Isis, nell’ultimo numero di Dabiq, la rivista del gruppo, ha scritto che secondo lui lo Stato Islamico farà qualcosa che ridicolizzerà “gli attacchi del passato”.

La rivista dell’Isis si apre con la celebrazione degli attentatori del Texas, che hanno attaccato l’evento dedicato alle vignette su Maometto a inizio maggio. In quell’evento l’Isis lanciò una minaccia contro gli Usa: “Quello che sta arrivando, sara’ piu’ doloroso e piu’ amaro”.

L’articolo di John Cantlie si intitola “The Perfect Storm” (la tempesta perfetta). Dopo che lo Stato Islamico si è impossessato di “carri armati, batterie lancia missili e anti-aeree”, scrive, “lasciatemi mettere sul tavolo un’operazione ipotetica. Lo Stato Islamico ha miliardi di dollari in banca, sufficienti per chiedere agli affiliati della provincia di Isis in Pakistan di comprare un ordigno nucleare attraverso i corrotti trafficanti di armi nella regione”.

“Questo è uno scenario futuristico” prosegue, ma “sarebbe la somma di tutte le paure per le agenzie di intelligence occidentali e sarebbe un evento infinitamente più possibile oggi che un anno fa. E se non avessimo un’atomica (a disposizione), cosa ne pensate di poche migliaia di tonnellate di nitrato d’ammonio (il fertilizzante usato come esplosivo letale in numerosi attentati, ndr)? Questo sarebbe più facile da ottenere” ed un attacco di tale portata ridicolizzerebbe “quelli del passato”, riferendosi esplicitamente all’attacco dell’11 settembre 2001, ad opera di al Qaeda.

Next Post

Messico, sparatoria tra narcos e polizia

Violentissima sparatoria tra gruppi armati criminali e agenti della polizia federale nei pressi di Tanhuato, nello Stato messicano di Michoacan, roccaforte di uno dei più potenti cartelli della droga. “Sono stato informato di uno scontro armato, la situazione è molto confusa. Sembra fosse in corso un’operazione di sicurezza, quando sono […]