Isis presi un ospedale e un giacimento petrolifero

Redazione

Prima un giacimento petrolifero poi un ospedale l’Isis va avanti nelle sue azioni seminando panico.

Nella giornata di ieri i terroristi islamici hanno preso possesso, così come confermato, da radio e televisioni locali, a Sirte dell’ospedale “Ibn Sina”. Secondo quanto raccontato dai mezzi di comunicazione libici  un convoglio militare con bandiere dello Stato islamico  si è spinto fino a circondarla l’intera area dell’ ospedale Ibn Sina. Area difesa dai militari del “Central Libya Shield.

I terroristi dell’Isis  hanno imposto e  ottenuto lo sgombero del nosocomio. I pazienti, ricoverati nella struttura, sono stati trasferiti a Misurata.

Da quanto trasmesso dalle televisioni locali sul palazzo dell’ospedale ora a sventolare c’è  la bandiera nera dello Stato islamico.

Nella mattinata di ieri si sono avuti inoltre forti  scontri tra guardie di impianti petroliferi e gruppi armati appartenenti all’Isis  attorno al giacimento di Al Bahy, a sud-ovest del terminal costiero di Sidra. Diverse le cisterne andate a fuoco.

Next Post

Sospeso il professor che portò Schettino all'università

Dopo la condanna a sedici anni Francesco Schettino ritorna sulle pagine dei giornali e ritorna al centro della cronaca italiana. Il Tar del Lazio ha notificato al professore che portò il capitano della Costa Concordia in cattedra  la sospensione per due mesi da incarico e stipendio. Da febbraio e fino […]