Italia, UE: flessibilità sui costi per i profughi
Italia, UE: flessibilità sui costi per i profughi

La UE ha deciso di applicare per l’Italia la flessibilità sui costi per i profughi. Il margine sarà consistente e si aggirerà sui 3,1 miliardi di euro.

Buone notizie, quindi, dal fronte europeo. Ad applicare questa flessibilità sarà la Commissione europea.

La motivazione è lo stato di assoluta eccezionalità che l’Italia si trova a dover affrontare con l’emergenza immigrazione.

Il nostro Paese è, infatti, in prima linea in tutti i sensi, anche geograficamente, dovendo sostenere, tra l’altro, costi non indifferenti.

I costi stessi sono diventati il triplo dal 2012 a oggi, e di questo ovviamente l’Europa non può non tener conto.

Forse nella nostra stessa condizione ci sono solo i Greci.

Questo andrà a tutto vantaggio dell’anticipo del taglio dell’Ires, dell’edilizia scolastica e altre spese previste.

Il Presidente della Commissione Juncker ha peraltro detto che “il patto è patto, ma di fronte a un problema di una gravità eccezionale, sulla base di un’analisi Paese per Paese, si andrà a esaminare se si debba tenere in conto dei costi sostenuti per accogliere i rifugiati”.

Il Presidente ha anche sostenuto che “pure fra i grandi ci sono Paesi che non fanno sforzi sufficienti per accogliere i profughi”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Raffaele Cantone contro le spese legali dell’Atac

Raffaele Cantone, Presidente dell’Autorità Anticorruzione, chiede conto delle spese legali dell’Atac fra…

Nichi Vendola imputato nel processo sul disastro dell’Ilva

Svolta decisiva per il processo per il presunto disastro ambientale dell’Ilva: il…