J-Ax Mtv Awards non verrà legalizzata la marijuana

Redazione

 

J-Ax ritiene altamente improbabile la legalizzazione della marijuana nel nostro Paese, forse siamo troppo arretrati e imprigionati in leggi troppo chiuse che non aprono alla legalizzazione di campi che producono enorme quantità di denaro, denaro che appunto, utilizzato legalmente potrebbe portare ossigeno all’Italia.

Il celebre rapper, cantautore e produttore discografico italiano Alessandro Aleotti semplicemente conosciuto dal pubblico con lo pseudonimo di J-Ax ieri, nel corso del backstage dell’ Mtv Awards ha risposto a diverse domande poste dai giornalisti tra cui una riguardante la possibilità di legalizzazione della marijuana in Italia. A tale domanda il celebre artista ha risposto:

“Non credo che l’Italia sarà fra i primi a legalizzarla, siamo un Paese reazionario, e anche se persone intelligenti proponessero su marijuana o sulla prostituzione una spinta verso la legalizzazione ci sarebbe una spinta reazionaria. Nel Colorado, in Usa, anche i più conservatori hanno realizzato che si tratta di molto denaro che entra nelle casse dello Stato, immaginate quanto questi soldi potrebbero fare per la Sicilia. Non vi chiedete perché in Olanda non limitano questo mercato? Perché inciderebbe sulle casse di Amsterdam”.

Fratello maggiore di Luca Aleotti, ex componente dei Gemelli Diversi, J-Ax è divenuto particolarmente noto al pubblico quando, negli anni ’90 faceva parte del celebre gruppo musicale rap italiano composto dallo stesso e da Dj Jad ovvero gli Articoli 31.

L’artista, nel backstage ha anche parlato della sua partecipazione agli Mtv Awards affermando “Mtv è stato uno dei pochi grossi brand che mi ha supportato anche nel mio momento più trasgressivo, quindi ora ci sono a portare ciò che di buono posso portare alla manifestazione”.

Next Post

Cerreto Guidi, sospetto caso di scabbia in un asilo nido

Sta facendo molto preoccupare il sospetto caso di scabbia riscontrato in un asilo nido di Cerreto Guidi, il comune italiano della città metropolitana di Firenze, in Toscana. Quando parliamo di scabbia facciamo riferimento ad un’infezione contagiosa della pelle classificata dall’OMS ovvero l’Organizzazione mondiale della sanità, come una patologia legata all’acqua […]