Kerry all’Avana per l’alzabandiera Usa Cuba

Eleonora Gitto

Il Segretario di Stato Americano Kerry all’Avana per l’alzabandiera nell’ambito della normalizzazione dei rapporti fra Usa e Cuba.

Solenne cerimonia, che riapre ufficialmente l’ambasciata Usa, chiusa dal 1961.

Kerry ha affermato che “nei rapporti fra i due Paesi potranno verificarsi degli intralci, ma è comunque l’inizio di un processo di normalizzazione”.

E tutto ciò è vero in funzione di tre motivi principali. Il primo è che ormai la spinta propulsiva del comunismo, in ogni parte del pianeta e comunque lo si chiami, si sta rapidamente esaurendo, tranne forse qualche nuova realtà in Sudamerica.

La seconda è che il Presidente degli Stati Uniti si chiama Barack Obama, il quale ha sempre pensato ai rapporti internazionali in un ambito di lungimiranza e di dialogo, e non solo di visione strategica unilaterale di una superpotenza come gli Stati Uniti.

La terza è che ci ha messo lo zampino, e in maniera sostanziale, lo stesso Papa Francesco, il quale si è mosso non solo in termini di auspicio di allacciamento delle nuove relazioni, quanto in termini di una vera e propria mediazione operata dai suoi collaboratori.

E quest’ultima cosa è stata ufficialmente riconosciuta a Bergoglio sia da parte di Kerry, sia da parte dello stesso Barack Obama.

Next Post

Scuola, precari: 71 mila domande di assunzione

Sono circa 71mila le domande di assunzione dei precari, che partecipano così alla procedura nazionale del Piano straordinario della buona scuola. Il boom delle domande c’è stato in Sicilia, con quasi dodicimila domande pervenute al sito del Miur. Poi c’è la Campania con più di undicimila, e poi il Lazio […]
Scuola, precari 71 mila domande di assunzione