Kraken, è realmente esistito nell’antichità ci sono le prove
Kraken realmente esistito

Uno scienziato afferma l’esistenza del mitico mostro marino enorme, potrebbe essere realmente esistito, il leggendario Kraken.

È un leggendario mostro marino tentacolato che mangiava balene e persino navi. Ora un ricercatore afferma di aver trovato la prova che la creatura mitica effettivamente esisteva.

Il professor Mark McMenamin, paleontologo del Mount Holyoke College nel Massachusetts, ha affermato di aver scoperto segni sui resti di creature marine che potrebbero dimostrare che una specie antica di polpo delle dimensioni enormi,- come il mitico Kraken – sarebbe la causa della loro scomparsa.

Il prof. McMenamin afferma che la sua prova del Kraken, confermerebbe una creatura lunga fino a 30 metri, le prove derivano dalle ferite ferite che ha inflitto all’ittiosauro di rettile marino gigante, sia affogando la creatura o spezzandogli il collo.

I risultati sono stati presentati all’incontro annuale della Geological Society of America a Minneapolis.

Il ricercatore afferma di poterlo dire esaminando la posizione e i segni delle ventose sulle ossa, il che sembra dimostrare che le creature sono state annegate o che hanno avuto il collo spezzato da una creatura simile a Kraken.

La teoria dello scienziato è emersa per la prima volta quando ha iniziato a esaminare i resti di nove ittiosauri delle specie Shonisaurus popularis presso il Berlin-Ichthyosaur State Park nel Nevada.

Kraken realmente esistito
foto@Flickr

Era stato suggerito che le creature, che avevano una testa simile a una focena e un muso lungo e dentato e sono state paragonate alle balene, sono morte a causa di una fioritura tossica del plancton in acque poco profonde.

Ma il professor McMenamin ha dichiarato: “Ero consapevole che ogni volta che ci sono controversie sulla profondità, probabilmente c’è qualcosa di interessante da esaminare“.

Non solo i segni sulle ossa gli suggerivano che le creature non fossero state tutte uccise allo stesso tempo, ma il prof. McMenamin affermò che la disposizione delle ossa suggeriva che una creatura di tipo polpo come il Kraken avesse annegato gli ittiosauri o avesse rotto il collo.

È diventato molto chiaro che qualcosa di molto strano era accaduto a quelle profondità“, ha detto.

Il Prof. McMenamin ha anche notato, a causa della disposizione, che erano stati portati via dal luogo in cui erano stati uccisi, inducendolo a pensare che fossero stati portati nella tana del Kraken.

Il polipo moderno lo fa“, ha detto la professoressa McMenamin. “E se ci fosse un polipo antico, molto grande, come il Kraken della mitologia?

Penso che i resti siano stati catturati dal Kraken e portati al riparo e che il cefalopode lei avrebbe poi separati.

Il professor McMenamin spiega l’assenza di eventuali fossili di Kraken con il fatto che i polpi sono creature dal corpo morbido, ma gli scettici sostengono che la sua spiegazione sia semplicemente una prova circostanziale.

Brian Switek, un ricercatore associato presso il New Jersey State Museum, scrivendo per Wired.com, ha affermato che la teoria di McMenamin non è altro che una “lettura ossea“.

Loading...
Potrebbero interessarti

Cane dipinto come una tigre fa indignare il web

Le autorità e gli amanti degli animali in Malesia sono indignati per…

Maree, fenomeno che effettivamente dipende dalla Luna

A tutti noi hanno insegnato già a scuola che la Luna è…