La battaglia degli imperi – Dragon Blade, il kolossal cinese al cinema dal 30 giugno

Eleonora Gitto

La battaglia degli imperi – Dragon Blade, il kolossal cinese diretto da Daniel Lee sarà nelle sale italiane da oggi, 30 giugno 2016.

Interpretato da Jackie Chan, John Cusack, Adrien Brody, Lorie Pester e Peng Lin, il film del regista di Hong Kong Daniel Lee è costato 65 milioni di dollari e sette anni di lavorazione.

La troupe era composta di 700 artisti, fra figuranti e attori, provenienti da nazionalità diverse, tanto che sul set si parlavano ben dieci lingue diverse.

Insomma, il kolossal cinese è spettacolare proprio perché è riuscito a battere molti record.

Il film è ambientato nelle vaste pianure della Cina di duemila anni fa. La storia che racconta si ispira a fatti realmente accaduti.

Una legione di soldati romani condotta dal generale Lucio percorre al galoppo la Via della Seta.

I soldati viaggiano verso est per proteggere Publio, figlio più giovane del Console Crasso, dal fratello malvagio Tiberio assassino del padre e colpevole di aver reso cieco Publio.

La legione si perde nel deserto e si ritrova ai Cancelli delle oche selvatiche. Qui Lucio combatte contro Huo An, il comandante della squadra che protegge la Via della Seta.

I due condottieri, come accade di frequente nei film, dopo un inizio burrascoso iniziano a stimarsi reciprocamente.

Così, Huo An concede ai romani riparo da una pericolosa tempesta di sabbia. In cambio, Lucio e i suoi soldati aiutano gli uomini di Huo An a terminare i lavori di riparazione dei Cancelli delle oche selvatiche.

Poco dopo arriva Tiberio con un esercito grandissimo e pretende da Huo An che gli siano consegnati Lucio e Publio, altrimenti le sue armate distruggeranno la Cina.

“La battaglia degli imperi – Dragon Blade” ha fatto registrare un record anche per la produzione affidata a Sparkle Roll Media, Huayi Brothers Media, Shanghai Film Group, Home Media & Entertainment Fund, Tencent Video e China Film & TV Capital.

Next Post

Happy Birthday, addio ai diritti d’autore

Pochi di noi in realtà lo sapevano, anche se l’abbiamo canticchiata decine di volte, ma fino ad oggi la celeberrima “Happy Birthday” era coperta da copyright, che è però appena stato giudicato illegittimo. La casa editrice musicale americana Warner/Chappell Music dovrà quindi restituire i diritti d’autore riscossi sulla celeberrima “Happy Birthday to you” (“Tanti […]