La nuova stagione di serie A, tra addii e clamorosi ritorni
La nuova stagione di serie A tra addii e clamorosi ritorni

La nuova stagione di Serie A è alle sue prime battute e finalmente le legioni di appassionati di calcio possono dissetare la loro sete di gioco con le nuove sfide che questo campionato sta per portarci. Come ogni anno, durante l’estate ci sono stati grandi rinnovamenti che hanno coinvolto varie squadre, alcuni dei quali appaiono clamorosi. Andiamo allora a vedere i principali risvolti del mercato estivo e vediamo come le squadre hanno scelto di prepararsi per la nuova stagione.

IL CASO ICARDI
Finalmente siamo giunti al finale (almeno per ora) di una storia che aveva messo a durissima prova il limite di sopportazione del disagio di molti appassionati di calcio. La passata stagione era esploso il cosiddetto caso Icardi: al giocatore dell’Inter era stata revocata la fascia di capitano (cosa che nel calcio ha un grosso valore simbolico) per motivi che sono tutt’ora oscuri, ma che sembrano da ricercarsi nel comportamento poco ortodosso del giocatore stesso e, soprattutto, nell’eccessiva ingerenza della moglie Wanda Nara nella vita di spogliatoio della squadra. Con l’arrivo dell’estate e l’addio di Spalletti, il giovane argentino non sapeva cosa lo avrebbe aspettato nei seguenti mesi: per sua sfortuna la società ha scelto di puntare su uno dei più importanti allenatori del momento – Antonio Conte – che ha la caratteristica di essere estremamente intransigente verso comportamenti poco produttivi per la salute del team e tiene molto alla correttezza reciproca all’interno dello spogliatoio. Ovviamente nel mirino sono finiti Nainggolan e proprio Maurito. Ma se per il belga la situazione si è risolta rapidamente col trasferimento al Cagliari, per Icardi invece si è acceso un braccio di ferro con la società che aveva tutti i contorni di una soap opera di bassissima categoria. L’argentino è stato messo fuori rosa e gli veniva impedito di partecipare agli allenamenti, nonostante ciò il ragazzo si impuntava a rifiutare offerte da qualsiasi altro club. Susseguentemente, su consiglio della moglie, è partita una denuncia per mobbing verso l’Inter, cosa che ovviamente ha ulteriormente peggiorato i rapporti. Insomma, si era arrivati al punto che per trovare informazioni aggiornate sul web, era necessario consultare il profilo Instagram Di Wanda Nara, che non lesinava frecciate alla dirigenza nerazzurra. Infine, nelle ultime ore di mercato è arrivata la cessione al Psg, un addio accolto con scene di giubilo da parte dei tifosi, consapevoli di aver estirpato la mela marcia dallo spogliatoio.

IL RITORNO IN ITALIA
Su una nota più leggera, dobbiamo annoverare il già citato ritorno in Italia di Antonio Conte. L’Inter ha scelto di puntare forte sull’allenatore pugliese per cercare di riportare in auge il team dopo anni in chiaroscuro. L’obbiettivo primario è quello di muovere battaglia agli acerrimi nemici della Juventus in campionato, per spezzare il giogo juventino che dura tristemente ormai da diversi anni. L’innesto in panchina del nuovo tecnico rappresenta una mossa di un certo rilievo, a maggior ragione per il fatto che per lungo tempo Conte era stato uomo simbolo dei rivali juventini. Ora, con anche l’arrivo di campioni come Lukaku, i nerazzurri hanno le carte in regola per trionfare.

IL TRADIMENTO
Altro clamoroso rientro in Italia è quello di Maurizio Sarri. L’allenatore toscano ha passato la scorsa stagione al Chelsea, in Inghilterra, ma fino a due anni fa era stato l’uomo simbolo di una grande crescita del Napoli e aveva dato filo da torcere alla Juventus in diversi campionati, spesso in sfide dirette con episodi contestati, tanto da fargli dichiarare che mai e poi mai sarebbe andato ad allenare i bianconeri. Evidentemente si è ispirato alla scena politica italica quando poi, quest’estate, ha magicamente cambiato idea e ha accettato la proposta di ingaggio della Juventus. Inutile dire che i tifosi partenopei non l’hanno presa affatto bene e hanno dedicato a Sarri le stesse gentilezze che avevano riservato a Higuain quando anch’egli aveva tradito Napoli passando alla squadra torinese.

Loading...
Potrebbero interessarti

Champions League: Juve in discesa, speranze per il Napoli

L’andata degli ottavi di finale di Champions League si è conclusa e…

Benatia sta pensando di lasciare la Juventus

Obiettivamente, nel corso degli ultimi match, lo si è visto piuttosto sporadicamente…