La Spezia, donna stuprata fa arrestare i suoi aguzzini

Il coraggio di una giovane donna, vittima di una delle violenze più atroci e brutali, uno stupro, ha permesso agli inquirenti di togliere dalla strada i bruti responsabili dell’aggressione.

Protagonista della vicenda, suo malgrado, una donna di origine del Nord Europa, ma residente a La Spezia, con l’inganno convinta a salire in auto e portata in una zona disabitata vicino al centro di Luni Mare, rapinata e brutalmente violentata sotto la minaccia di un taglierino da due extracomunitari, che poi l’hanno abbandonata per strada e sono scappati.

Nonostante lo shock, la donna ha trovato la forza di denunciare ai Carabinieri la violenza sessuale e la rapina, al che sono scattate immediatamente le ricerche. L’errore è stato dei due aggressori che il giorno seguente hanno ricontattato la loro vittima per assicurarsi del suo silenzio: la donna assieme ai carabinieri ha attirato i due in trappoli, e ha permesso il loro arresto.

Nella caserma “Salvo D’Acquisto” alla Spezia i due fermati erano attesi dai carabinieri del nucleo investigativo, dal sostituto procuratore che ha coordinato le indagini e dalla donna vittima dello stupro, per essere accusati dei reati di violenza sessuale di gruppo e rapina.

Potrebbero interessarti

Dal 30 giugno l’Unità torna in edicola

Assente dalle edicole dal 1° agosto 2014, ma con una solida storia…

Secondo Fico se Renzi cade, governerà il M5S

Secondo Roberto Fico se Renzi cade “il movimento M5S governerà”. Per Roberto Fico…

Un cuore debole ha ucciso Pino Daniele

Lo scorso 4 gennaio è venuto a mancare improvvisamente, si pensava per…

Renzi incontra Cameron, solo idee sulla questione immigrazione

Nelle scorse ore si è tenuto un incontro bilaterale tra il premier…