La7, nuovo palinsesto tra ritorno di Guzzanti e addio di Crozza

Dopo che Mediaset e Rai hanno annunciato, con non poche sorprese, i propri palinsesti autunnali, è arrivato il momento di svelarli anche per La 7, e neppure in questo caso si parla di cambiamenti di poco conto, tra clamorosi addii e new entry tutte da sondare.

Innanzitutto il clamoroso addio di Crozza: «Crozza passerà un altro autunno con noi, poi dall’anno prossimo ha scelto di seguire un’altra strada. Lo seguirò, se lo trovo. È stata una decisione concordata con il suo agente. Se avesse fatto un gesto verso di noi economicamente parlando, ci saremmo sforzati per tenerlo. È bravissimo, anche se i suoi ascolti erano in calo e costava il 22 per cento delle nostre produzioni. Ora abbiamo un tesoretto di 10 milioni di euro da investire in nuovi progetti» ha detto l’editore di La7 Urbano Cairo.

Torna invece Sabina Guzzanti: non avrà un programma tutto suo, ma solo uno spazio all’interno di Piazza Pulita, il talk di Corrado Formigli, con interventi graffianti di una decina di minuti sull’attualità.

Comunque, nella prossima stagione de La7 ritroveremo i programmi storici e quelli che si sono consolidati negli ultimi anni: da Piazza pulita a diMartedì con Giovanni Floris a La Gabbia di Gianluigi Paragone, a Otto e mezzo con Lilli Gruber a tutti i programmi dei day time. Ma ci saranno anche delle new entry, come Luca Telese, Giovanni Minoli, Francesco Facchinetti.

Confermata “Miss Italia” che compie 70 anni con la conduzione di Francesco Facchinetti e una giuria tutta nuova e, pare, molto prestigiosa. I risultati di share di “Eccezzzionale veramente” hanno soddisfatto tutti e così il talent comico della rete è rinnovato per la seconda stagione.

Next Post

Renzo Bossi ha una laurea ma non sapeva di averla presa

Ci meravigliamo che la nostra classe dirigente viene spesso sbeffeggiata all’estero, ma come facciamo a dare torto ai giornalisti internazionali quando tutte le prime pagine dei quotidiani nazionali titolano a lettere cubitali di un Renzo Bossi laureato a sua insaputa? Sì, non è una bufala, ma la difesa scelta in […]