Ligabue in pelliccia nel video “Siamo chi siamo”: la rabbia degli animalisti

Luciano Ligabue è finito nel mirino degli animalisti, in modo particolare dell’associazione “100% Animalisti”, per il suo video “Siamo chi siamo”, uscito nel mese di settembre, della sua ultima canzone. Durante il videoclip il cantante indossa diversi abiti: una camicia di jeans, numerose giacche sgargianti, una tuta sportiva, un gilet, una salopette da lavoro e appunto una pelliccia, il pomo della discordia.

L’associazione “100% Animalisti” per protestate ha tappezzato Correggio, città natale del rocker, con manifesti che ritraevano lo stesso Ligabue in pelliccia con la scritta a margine “Ligabue…perché?”. “Sembrava una caricatura del Celentano qualche anno fa”– hanno commentato infuriati gli animalisti.

Poi c’è stato l’attacco frontale al rocker di Correggio“Ligabue di certo non ignora che il suo giaccone è fatto con la pelle di animali assassinati e scuoiati. Ma allora perché ha accettato di apparire con un indumento che gronda sangue? Il Liga è un opinion maker per tanta gente, soprattutto per i giovani. Non si rende conto che sta propagandando un uso barbaro e inutile di esseri viventi e senzienti?”.

Poi c’è stato l’affondo finale: . Ligabue è un personaggio sempre molto impegnato nel sociale, ma stavolta sembra essere scivolato sulla classica buccia di banana. Si attende comunque la replica del cantante.

 

 

 

Loading...
Potrebbero interessarti

David Hasselhoff problemi economici in vista?

Se la notizia fosse confermata, non sarebbe neppure una novità nel mondo…

Aurora Ramazzotti, vacanze d’amore col suo Goffredo

Figlia d’arte di personaggi notissimi nel mondo dello spettacolo come Michelle Hunziker…