L’importanza di proteggere le proprie ossa dal rischio di fratture

L’allarme lanciato dagli esperti del settore è di quelli da non sottovalutare: gli italiani devono prestare molta più attenzione alla salute delle proprie ossa, dato che negli ultimi anni è aumentato esponenzialmente il numero di coloro che si lesionano o subiscono traumi di entità variabile.

Ogni anno  in Italia si registrano oltre 230.000 fratture da fragilità molte delle quali provocano disabilità, perdita di autonomia e un aumento del rischio di mortalità. Solo con una corretta alimentazione e uno stile di vita sano, sin dall’età pediatrica, accompagnate da una prevenzione secondaria e terziaria si potrà fermare questa tendenza.

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, ogni anno nel pianeta si registrano circa 9 milioni di fratture da fragilità di cui 1,6 mln a livello del femore prossimale. E per il 2050 è previsto “un vertiginoso aumento”: si potrà arrivare fino a 33 milioni di casi, oltre 6 mln dei quali interesseranno il femore.

I dati sono stati diffusi durante il Congresso della Società Italiana di Ortopedia e Traumatologia (SIOT) in corso di svolgimento presso l’Ergife Palace Hotel di Roma, dove tutti i luminari hanno dato i propri consigli per salvaguardare al meglio la salute del proprio scheletro.

“La fragilità dell’osso – spiega Umberto Tarantino, professore e primario di Ortopedia e Traumatologia presso il Policlinico di Tor Vergata di Roma – dipende spesso dall’osteoporosi post menopausale e senile che in Italia colpisce una donna su 4 con più di 50 anni e una donna su tre oltre i 60 anni”. Le fratture da fragilità possono avvenire in qualsiasi segmento scheletrico, ma “le sedi più frequentemente coinvolte – sottolinea Tarantino – sono il femore, le vertebre, il polso, l’omero prossimale, e la caviglia”.  Se si ha la sfortuna di incorrere in una frattura da fragilità il rischio di un’altra frattura è di oltre il 20%. Le donne con una frattura vertebrale hanno un rischio 5 volte maggiore di andare incontro a nuove fratture vertebrali e un rischio raddoppiato di andare incontro alla frattura del femore prossimale. Tale dato è destinato a crescere nei prossimi anni per il progressivo aumento dell’età media della popolazione che non interessa solo il sesso femminile, ma sempre più anche gli uomini”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Bambini sempre più a rischio di obesità, anoressia e diabete

Da adulti, spesso troppo tardi, quando le patologie sono già insorte, ci…

Agrigento, nate una cinquantina tartarughine Caretta Caretta

Un evento tanto insolito sulle coste siciliane quanto spettacolare: si è infatti…