L’inquilino di mezzanotte, leggenda urbana o realtà
inquilino di mezzanotte leggenda urbana o realta

Il visitatore di mezzanotte, o l’inquilino di mezzanotte, è una storia inquietante legata ad un ragazzo che crede di aver ascoltato un suono inquietante mentre si trova a letto la notte. I suoi genitori gli dicono di non preoccuparsi, ma il ragazzo è terrorizzato da questi suoni inspiegabili.

Il ragazzo viveva con i suoi genitori in un piccolo appartamento, era un brutto quartiere purtroppo, colpito spesso da crimini di ogni genere. Il loro appartamento era al piano terra dell’edificio ed inoltre alcune delle finestre erano rotte.

Il ragazzo spesso aveva problemi a dormire perché riusciva sentire distintamente i rumori in strada. Più volte aveva pregato i genitori di sistemare le finestre e le serrature delle porte, ma le ristrettezze economiche in cui vivevano non lo permettevano.

Una notte, mentre il ragazzo stava dormendo serenamente nella sua stanza, fu improvvisamente svegliato da uno strano rumore di graffi. Seduto in mezzo al letto, aveva cercato di ascoltare meglio e capire da dove provenisse.

Uscito dal letto e si è fatto strada lungo il corridoio oscurato fino alla stanza dei suoi genitori.

Il visitatore di mezzanotte, una storia tramandata da generazioni.

Mamma,” ha sussurrato. ” Mamma, c’è un suono strano nella mia stanza.

Sua madre, svegliandosi nel cuore della notte, aveva replicato: ” Probabilmente è solo un ramo dell’albero che tocca contro la tua finestra“.

Ma non ci sono alberi vicino alla mia finestra” aveva risposto il ragazzo.

Allora probabilmente è solo un animale da qualche parte, non è niente non preoccuparti” aveva borbottato la madre. ” Torna a letto e prova a dormire.

Il ragazzo tornato a malincuore nella sua stanza ma ancora nervoso e spaventato, si era rimesso a letto e, cercando di rilassarsi, aveva provato ad addormentarsi.

Proprio mentre stava per dormire, ha sentito di nuovo il suono dei graffi. Questa volta erano piu ‘ forti, ma ancora non riusciva a capire da dove venivano. Ha cercato di ignorarli, ma era impossibile dormire. Sembravano vicino, ma ancora non era possibile capire da dove provenissero.

All’improvviso, ha sentito un forte dolore alla schiena. E ‘ saltato fuori dal letto e ha pianto ad alta voce. E ‘ come se fosse stato morso nella schiena da qualche insetto. E ‘ entrato nella stanza dei suoi genitori.

Papà,” ha sussurrato. ” Papà, qualcosa mi ha morso“.

Suo padre si è stropicciato gli occhi ed è uscito dal letto. Ha esaminato la schiena di suo figlio e ha trovato un piccolo segno di puntura. C’erano una o due gocce di sangue che uscivano dalla ferita.

Non sembra un morso di insetto” ha detto suo padre.

Allora cos’è?” chiese il ragazzo.

Il padre non ha risposto. Invece, è andato nella camera da letto del ragazzo e suo figlio l’ha seguito da vicino. Ha acceso la luce e ha controllato il letto. C’era un piccolo buco nelle lenzuola e un po’ dell’interno del materasso stava uscendo.

So cos’è successo,” disse suo padre. ” Una delle molle nel materasso deve essere fuoriuscita e ti ha procurato questo taglio“.

Il padre ha deciso così di girare il materasso e guardare sotto. Quello che ha trovato lo ha letteralmente lasciato impietrito.

C ‘era un lungo coltello che usciva dal fondo del materasso. In fondo al letto, del fango e sporco sul tappeto. La finestra della camera da letto era aperta e fuori, c’erano impronte fresche di fango.

Durante la notte, qualcuno era scivolato nella stanza del ragazzo attraverso la finestra aperta e stava aspettando sotto il suo letto. Il misterioso suono di graffi che aveva sentito era qualcuno sdraiato sotto il suo letto, intento a tagliare il materasso con il coltello, per arrivare, evidentemente, ad ucciderlo.

Loading...
Potrebbero interessarti

L’Ufo vicino alla Statua della Libertà, verità o fantasia?

L’Ufo a New York vicino alla Statua della Libertà, verità o fantasia?…

Migranti, il Parlamento UE approva il ricollocamento profughi

Emergenza migranti: il Parlamento UE approva la proposta di ricollocamento urgente dei profughi. Si…