L’ora legale, il film di Ficarra e Picone nelle sale dal 19 gennaio

Eleonora Gitto

L’ora legale“, l’ultimo film dei due comici italiani Ficarra e Picone arriva nelle sale cinematografiche il 19 gennaio prossimo.

Una vera utopia la storia che Ficarra e Picone raccontano nel loro ultimo film.

Rispettare alla lettera il programma elettorale che si presenta agli elettori durante la campagna elettorale, dovrebbe essere scontato, normale in un paese civile.

Purtroppo, tutti sappiamo che così non è per questo fa scalpore “L’ora legale” che mostra come uno dei candidati a sindaco, il più rivoluzionario, dopo essere stato eletto, mantiene le promesse fatte e rispetta alla lettera il suo programma.

Il film è un susseguirsi di gag comiche. I due comici sono bravi e le risate sono assicurate. Tuttavia il film ha un retrogusto amaro.

Il film è stato girato a Termini Imerese ed è ambientato a Pietrammare, un immaginario paese della Sicilia. Il paese da anni è sotto il giogo di Gaetano Patanè, lo storico sindaco della cittadina.

Un personaggio che non fa politica ma ha imparato a usarla e che nel tempo è diventato esperto nel riuscire, con tutti i mezzi e in tutti i modi, a creare attorno a sé una sorta di consenso forzato.

Il suo avversario è Pierpaolo Natoli, un professore cinquantenne, che scende in campo per la prima volta.

A sostenere la sua candidatura ci sono una lista civica e uno sparuto gruppo di attivisti. Nei suoi comizi solo onestà, legalità e rispetto delle “regole”.

Ficarra e Picone, nel film Salvo e Valentino sono schierati su fronti opposti: Salvo è un furbetto che offre i suoi servigi a Patanè, dato vincente in tutti i sondaggi; mentre Valentino è un puro che scende in campo a fianco dell’outsider Natoli cui è legato, come peraltro Salvo, da un vincolo di parentela, in quanto entrambi sono cognati del candidato.

Nel cast oltre a Salvatore Ficarra e Valentino Picone, troviamo Vincenzo Amato, Leo Gullotta, Antonio Catania, Tony Sperandeo, Sergio Friscia, Eleonora De Luca, Ersilia Lombardo, Alessia D’Anna, Francesco Benigno, Marcello Mordino, Paride Benassai, Gaetano Bruno e Alessandro Roja.

Next Post

WhatsApp, addio privacy: a rischio tutti i messaggi criptati

Per una falla nel sistema, i messaggi criptati inviati con Whatsapp possono essere letti da Facebook . WhatsApp si affretta a comunicare che non c’è alcuna “backdoor per spiare le chat”, di fatto pare che le cose non stiano proprio così. Sul Guardian, infatti, si legge che secondo alcuni gli […]
WhatsApp, addio privacy: a rischio tutti i messaggi criptati