Luca Zaia, via gli immigrati dalle zone turistiche venete

La questione immigrazione nelle ultime settimane è tema caldissimo in tutta Italia, ma soprattutto nelle regioni del nord Italia, dove l’impronta della Lega Nord e del suo pensiero si sente forte e chiara.

Dopo l’annuncio rivolto alle regioni del Nord da Roberto Maroni, che intimava in pratica ai sindaci di non accogliere più migranti nei loro comuni, è la volta del Governatore del Veneto, Luca Zaia ed anche lui, neppure a dirlo ci va giù pesante.

Il governatore, cavalcando anche l’acceso dibattito politico in atto sulla questione dell’immigrazione clandestina, ha scritto ai prefetti della sua Regione, invitandoli a mandare via subito tutti i profughi attualmente collocati nelle località turistiche del Veneto e a evitare nuove allocazioni.

“Il Veneto, ha scritto Zaia ai Prefetti della Regione nella sua lettera, è la prima Regione turistica d’Italia e la sesta d’Europa, con 63 milioni di presenze (il 15% del volume nazionale), con 17 milioni di fatturato annuo compreso l’indotto”, ed è proprio per questo che urgono sgomberi immediati.

“Gli annunci delle ultime ore – aggiunge – che individuano strutture ricettive e turistiche, oltre ad immobili di privati cittadini, nelle zone del litorale veneto e del bacino termale euganeo quali sedi in cui allocare gli ultimi arrivi di immigrati, seguiti da episodi di vero e proprio ‘scarico’, avvenuti recentemente nel trevigiano e nella zona dei Colli nel padovano, stanno facendo montare la protesta delle comunità locali, dei Sindaci dei Comuni minacciati e degli operatori turistici, i quali, attraverso le loro Organizzazioni di categoria, mi hanno rivolto un accorato appello in difesa dei territori e della stagione turistica. Una stagione che, iniziata sotto una congiuntura favorevole, rischia, a causa degli allarmismi derivanti da una simile situazione di emergenza, di venire irrimediabilmente compromessa”.

One thought on “Luca Zaia, via gli immigrati dalle zone turistiche venete

  1. L’ESSENZA DEL PIANO KALERGI
    PORTATELI IN ARABIA SAUDITA E IN SUD AFRIKA DAI FRATELLI MUSULMANI PIU’ RICCHI DEL MONDO
    Nel suo libro «PraktischerIdealismus», Kalergi dichiara che gli abitanti dei futuri “Stati Uniti d’Europa” non saranno i popoli originali del Vecchio continente, bensì una sorta di subumanità resa bestiale dalla mescolanza razziale. Egli afferma senza mezzi termini che è necessario incrociare i popoli europei con razze asiatiche e di colore, per creare un gregge multietnico senza qualità e facilmente dominabile dall’elite al potere. https://secure.avaaz.org/it/petition/AL_GOVERNO_ITALIANO_UN_REFERENDUM_CHE_PERMETTA_AGLI_ITALIANI_DI_DIRE_SI_O_NO_AI_MIGRANTI/edit/

Comments are closed.

Next Post

Pietro Grasso, accoglienza dei migranti è dovere giuridico

Sull’onda delle idee leghiste, sembra che tutte le regioni del nord si stiano schierando, in un forte fronte comune, contro l’accoglienza dei migranti, senza lesinare parole spesso razziste e poco adatte ad un paese civile, con un passato recente in cui gli immigrati eravamo, e molto spesso siamo ancora noi, […]