Lucca, cena in ospedale a base di “preservativo”

Le mense ospedaliere, un po’ come quelle scolastiche inutile negarlo, non sono certo famose per la qualità eccelse delle loro materie prime o le tecniche di preparazione, anche se i menu proposti dovrebbero comunque essere equilibrati.

Grazie a controlli frequenti, gli standard di pulizia dovrebbero essere molto alti, visto anche che si ha a che fare con pazienti già alle prese con i propri problemi di salute, ma la storia che in queste ore viene da Lucca fa cadere veramente le braccia.

Una paziente ricoverata sotto osservazione breve intensiva, dell’ospedale di Lucca ha infatti trovato nel proprio piatto con le mele cotte nientemeno che un preservativo.

La donna ha subito avvertito il personale infermieristico che ha segnalato l’accaduto all’Azienda Usl Toscana nord ovest. “Un atto doloso”, secondo la Asl, convinta che la presenza del contraccettivo si tratti di “un sabotaggio“.

Sospetta, secondo l’Azienda, è la vicinanza con un altro caso simile: a inizio mese, nello stesso ospedale, una paziente aveva ricevuto una fetta di pane con la muffa.

La direzione sanitaria dell’ospedale ha comunque avviato le procedure di verifica, dalla consegna del cibo alla distribuzione in reparto, e potenziato la vigilanza del personale sanitario al momento del servizio dei pasti.

Next Post

Scala di Scoville: sai misurare il peperoncino piccante?

Quanto pensiamo alle “scale” di misurazione, il riferimento è in genere a quelle metriche o a quelle per misurare la potenza di distruzione di un terremoto, ma ne esiste anche una alquanto particolare: la scala di Scoville. La conoscete? La scala di Scoville è una scala di misura della piccantezza […]
Scala di Scoville sai misurare il peperoncino piccante