Luigi Pelazza è stato espulso dal Marocco

I suoi servizi trattano spesso temi delicati e controversi, tematiche che la televisione pubblica spesso preferisce sottacere, problematiche che molti stati preferiscono non affrontare per nasconderli al resto del mondo.

E stavolta a Luigi Pelazza, uno degli inviati storici delle Iene, è andata decisamente male: il giornalista è infatti stato espulso dal Marocco e ha rischiato persino di essere incriminato.

Pelazza è stato cacciato per aver documentato il fenomeno della prostituzione minorile a Marrakech, come lui stesso ricostruisce sulla sua pagina Facebook: “La polizia ha fatto irruzione nella casa in cui stavamo facendo un’intervista, ha arrestato il nostro interprete e portato me e il mio autore Mauro Pilay in Prefettura. Siamo stati espulsi dal Paese”.

“La cosa positiva è che abbiamo finito il pezzo un giorno prima e quindi possiamo tornare a casa”, scherza la ‘iena’ nel video girato in aereo e pubblicato su Facebook.

«Abbiamo raccolto molto materiale su un grande giro di prostituzione minorile con ragazzi e ragazze di 13 e 14 anni pagati 300 o 400 euro per avere rapporti sessuali. Una rete che coinvolge non solo turisti occidentali ma anche turisti arabi e personaggi locali -spiega invece – Mercoledì intorno alle 14 ci trovavamo in un appartamento di Marrakech per raccogliere la testimonianza filmata di alcuni ragazzi. All’uscita siamo stati bloccati da una decina di agenti».

Loading...
Potrebbero interessarti

Avril Lavigne, un mistero ancora irrisolto?

Insieme a tanti altri misteri, legati al mondo dello spettacolo, anche quest’ultimo…

Maurizio Costanzo torna a parlare dell’addio di Morgan ad Amici

Sempre molto riservato sulla sua vita privata, negli ultimi mesi Maurizio Costanzo…