Marilyn Manson il rogo della Bibbia a Firenze

Non si capisce perché il gesto abbia provocato tanto sconcerto: certo Papa Francesco nelle stesse ore era nella stessa città, e il nostro è un paese profondamente cattolico, ma Marilyn Manson non è certo mai stato un chierichetto e nessuno lo ha mai visto all’Angelus della domenica.

D’altronde chi conosce Brian Hugh Warner, al secolo conosciuto come Marilyn Manson, sa di aspettarsi questo ed altro dal cantante americano.

Il cantante americano in occasione del concerto di Firenze ha bruciato nientemeno che una Bibbia sul palco. La star ha voluto dare così il suo personale benvenuto a Papa Francesco che è arrivato nel capoluogo toscano – in occasione del Convegno ecclesiale nazionale iniziato lunedì 9 – e davanti al pubblico dell’Obihall, circa tremila persone, che hanno accolto il gesto con urla e incitamenti, come mostrano alcuni video postati su Youtube, ha appunto bruciato il libro sacro dei cristiani.

C’è da dire poi che il rogo della Bibbia siamo noi italiani ad averlo voluto leggere come un attacco a Papa Francesco dato che è una consuetudine per il cantante, durante tutte le sue tappe in tutto il mondo, il rogo della Bibbia prima di iniziare a cantare “Antichrist superstar”, tratto dall’omonimo album del 1996, il secondo nella carriera del Reverendo.

Tantissime persone sono arrivate nel capoluogo toscano da tutta Italia: il “live” di Manson a Firenze ha rappresentato l’unica tappa italiana del suo tour europeo e tra queste, a sorpresa, si è presentato anche Raffaele Sollecito, che ha pubblicato su Youtube proprio il rogo incriminato.

Next Post

Aurora Ramazzotti si confessa sulle pagine di Vanity Fair

E’ giovanissima, maggiorenne soltanto da pochi mesi, ma il suo essere “famosa” per essere figlia di una coppia di celebrità finora le ha provocato più problemi che altro, disagi che per una giovane adolescente non sono certo facili da affrontare. Tutti ricorderanno quando i settimanali di gossip paragonavano il suo […]