Marino in vacanza, è polemica

Eleonora Gitto

Il sindaco Marino è in vacanza, ed è polemica.

Lo prende in giro Beppe Grillo sul suo Blog, paragonando il sindaco a “Ulisse che torna da Itaca per complimentarsi con i Proci che gli insidiano Penelope”.

Che cosa voglia dire Grillo con questo paragone non si capisce bene, ma tant’é. Marino, come tutti, ha diritto a una sacrosanta vacanza.

Probabilmente Grillo ha appena visto in televisione l’Odissea. Perché è poco probabile che l’abbia letta.

Intanto Marino è difeso da Matteo Orfini, il commissario Pd a Roma. Per Orfini il Sindaco “è ora in condizione di fare un salto di qualità, affiancato nel proprio lavoro dal Prefetto Gabrielli”.

Al quale ultimo, però, bisogna rammentarlo, sono stati affidati dal governo poteri speciali sulla capitale, che vanno ben di là degli ordinari poteri prefettizi.

Quindi, se commissariamento non è quello di Gabrielli, ci andiamo vicino.

Resta pertanto un Ignazio Marino ridimensionato che va avanti, una nuova Giunta che evidentemente vedrà ridimensionati i propri poteri, e un Consiglio Comunale, che già contava poco, ora sostanzialmente inesistente.

Probabilmente nemmeno la Chiesa, in vista del Giubileo, vuole rischiare di fare flop cambiando in corsa il Sindaco.

Nonostante il buon Ignazio si dia da fare per celebrare unioni civili dello stesso sesso, il Vaticano non sembra mettersi di traverso al laico Marino.

Next Post

Napoli, ucraino ucciso durante una rapina: proteggeva la cassiera

Si chiama Anatolij Korov l’ucraino rimasto ucciso durante una rapina in un supermercato di Castello di Cisterna, Napoli: stava proteggendo la cassiera italiana. Anatolij Korov aveva 38 anni, viveva a Castello di Cisterna e aveva tre figli. L’ucraino in compagnia della figlia più piccola è andato a fare la spesa […]