Massimo Giletti, Napoli è indecorosa e abbandonata

Quello che si è consumata nella domenica pomeriggio di Rai Uno è senza dubbio una scena triste, ancora di più perché si è trattato di un attacco trito e ritrito, uno di quelli facili che si lanciano quando non si ha nulla di meglio o di più intelligente da argomentare contro una città.

«Voi iniziate a far andare avanti la vostra città, che è indecorosa in certi punti abbandonata. Se lei esce dalla piazza centrale della stazione uno trova immondizia in tutti i vicoli», questa la frase di una banalità unica e inaudita che Massimo Giletti si è lasciato scappare durante la trasmissione L’Arena su RaiUno di domenica in un battibecco infuocato con l’avvocato Antonio Crocetta.

«Napoli è nel baratro, c’è spazzatura ovunque, non funziona nulla, dai mezzi pubblici alla delinquenza. Mi scrivono i napoletani in diretta per raccontare queste verità» sono state invece le bordate del leghista Matteo Salvini, che hanno fatto da eco alle dichiarazioni di Giletti.

“La coppia Giletti-Salvini prima di parlare di Napoli e dei napoletani si dovrebbero sciacquare la bocca. Napoli ha una cultura millenaria, che non merita questo agguato politico-mediatico e premeditato”, questo il commento del sindaco, Luigi de Magistris, riguardo alla polemica subito montata. “Ci vorrebbe una risposta da parte dei vertici della Rai – incalza de Magistris –  ma questa risposta fin qui non c’è stata e quindi evidentemente condividono. Chi tace acconsente”.

Nelle ore immediatamente successive, Giletti ci ha tenuto comunque a chiarire la sua posizione: “Amo  Napoli, non ho mica attaccato la città. Ce l’avevo con una classe politica che negli ultimi trent’anni ha creato una situazione indecorosa”. La sua bacheca di Facebook è bersagliata dalle proteste, e in più si profilano interrogazioni parlamentari e un intervento della Vigilanza.

Next Post

Aborti volontari, nel 2014 il tasso sceso sotto i 100 mila casi

Nonostante in Italia il tasso di natalità sia sempre più basso anno dopo anno, e nonostante i giovani italiani, più per necessità economica che per libera scelta, decidono di posticipare il momento in cui allargare la propria famiglia, mettendo al mondo un figlio, il dato diffuso oggi mostra certamente una […]