Mattarella, l’importanza di insegnare l’italiano agli immigrati

Nei giorni in cui la legge per ottenere la cittadinanza, per coloro che nascono nel nostro paese da genitori stranieri, è nel pieno della discussione alla camera, anche il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, si è espresso sulla delicatissima tematica.

In particolare il presidente si è espresso sull’importanza di insegnare la nostra lingua agli immigrati: tra l’altro una delle condizioni fondamentali per ottenere la cittadinanza, nella legge ora al vaglio, è quella di essere iscritti a scuola e quindi studiare la nostra lingua e cultura.

«Credo che dovremmo essere più impegnati nel promuovere e assicurare la conoscenza della nostra lingua agli immigrati che si insediano nel nostro Paese», ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella all’82/o convegno della società Dante Alighieri.

Per Mattarella «in Italia la lingua italiana può essere veicolo di integrazione tra cittadini e le diverse comunità di immigrati che si sono insediate nel nostro territorio. È la lingua della reciproca comunicazione, è conoscenza, che abbatte muri e previene la formazione di ghetti».

Inoltre, per Mattarella, «il confronto con le risorse impiegate da altri Paesi europei per promuovere la propria lingua fa capire quanto sarebbe necessario un impegno finanziario maggiore da parte dello Stato. Ma non è solo questione di fondi – ha aggiunto Mattarella – servono idee, entusiasmo proposte».

Loading...
Potrebbero interessarti

Nichi Vendola, l’anti-casta, andrà in pensione a 57 anni

Nella migliore delle tradizioni italiche ed italiote, i nostri politici sono abituati…

27 ore chiusa in ascensore: sopravvive bevendo vino

Col caldo asfissiane di questi giorni, bere spesso e tanto è l’unica…