Matteo Renzi, globalizzazione per non vivere di paure

In un momento particolarmente difficile per l’Italia, con tensioni sociali inasprite e questioni, come quelle dell’immigrazione, ormai fuori controllo, il premier Matteo Renzi torna a parlare e lo fa in occasione della VII Conferenza Italia – America Latina Caraibi a Milano.

Mentre i governatori e i sindaci si rifiutano di accogliere ancora i disperati che arrivano sui barconi, Renzi parla di globalizzazione: ” Non si può pensare che la globalizzazione sia il pretesto per rinchiudersi. Nel mondo di oggi ci sono tanti che abbaiano alla luna, vivono sulle paure e pensano che l’unica dimensione sia chiudersi a chiave in casa. Non è così”. “Per troppo tempo si è pensato che, nel mondo, la globalizzazione negasse l’identità. Io credo oggi si debba scrivere una pagina nuova, l’identità e le radici non sono ostacolo alla globalizzazione ma una opportunità. Il mondo `piatto´ nel quale stiamo vivendo – ha continuato – non impedisce di esprimere ma valorizza le singole identità”.

Ma il premier  ha fatto anche un riferimento a Expo: “C’è l’idea che l’Expo sia un grande appuntamento che parla delle questioni che tengono insieme Italia e America latina. L’Expo non è una fiera commerciale o un evento turistico anche se ha prodotto risultati straordinari sotto entrambi i profili ma è un luogo dove parlare di ideali, dove discutere di come arrivare a un mondo più giusto”.

Poi ha parlato di crescita: “La crescita economica è il modo principale per combattere la povertà e la fame” e “politiche di riforma strutturali in grado di tornare alla crescita” sono un “elemento di fondamentale importanza” ha aggiunto il premier.

Parole belle, profonde, che si scontrano però con la cruda realtà.

2 comments
  1. Caro Presidente l’ho sempre molto stimata ma, purtroppo, ultimamente ho delle perplessità. Non abbaiamo affatto alla luna, non ci chiudiamo in casa, si, viviamo nella paura perché non c’è un minimo di sicurezza, dobbiamo subire e rimanere inermi. In Italia non esiste una giustizia giusta, non esiste una politica seria e in queste condizioni come si fà a parlare di globalizzazione, di accoglienza, di integrazione; è logico poi che chi subisce prima o poi insorge e dopo?, dopo è tardi. Sicuramente voi politici, anche perché super protetti, non avete mai subito alcun sgarro ma, vi assicuro, se ne subite uno cambiate idea!!!

    Non si può pensare che la globalizzazione sia il pretesto per rinchiudersi. Nel mondo di oggi ci sono tanti che abbaiano alla luna, vivono sulle paure e pensano che l’unica dimensione sia chiudersi a chiave in casa. Non è così”. “Per troppo tempo si è pensato che, nel mondo, la globalizzazione negasse l’identità. Io credo oggi si debba scrivere una pagina nuova, l’

  2. Caro Presidente l’ho sempre molto stimata ma, purtroppo, ultimamente ho delle perplessità. Non abbaiamo affatto alla luna, non ci chiudiamo in casa, si, viviamo nella paura perché non c’è un minimo di sicurezza, dobbiamo subire e rimanere inermi. In Italia non esiste una giustizia giusta, non esiste una politica seria e in queste condizioni come si fà a parlare di globalizzazione, di accoglienza, di integrazione; è logico poi che chi subisce prima o poi insorge e dopo?, dopo è tardi. Sicuramente voi politici, anche perché super protetti, non avete mai subito alcun sgarro ma, vi assicuro, se ne subite uno cambiate idea!!!

Comments are closed.

Loading...
Potrebbero interessarti

All’Expo di Milano la baguette alla nutella più lunga del mondo

Expo 2015 sicuramente rimarrà nella storia per i suoi numeri e per…

Vercelli, 26 enne vessato dai bulli si è suicidato

Ancora una tragedia, ancora una giovane vita spezzata, e tutto perché si…