Matteo Salvini in piazza contro il ddl sul reato di tortura

Matteo Salvini, l’uomo che vuole affondare i barconi coi migranti a bordo, per non farli sbarcare sulle nostre coste, è sceso in piazza per protestare contro il reato di tortura: nessuno può stupirsene, dopotutto.

Se è giustificabile dalle circostanze lasciar morire donne e bambini al largo dell’oceano, è anche giusto che gli agenti possano fare il loro dovere, magari con qualche metodo in stile medioevale, per convincere a confessare anche i criminali più reticenti.

In una manifestazione davanti a palazzo Chigi insieme al Sappe, il leader del Carroccio dice: “Carabinieri e polizia devono poter fare il loro lavoro. Se devo prendere per il collo un delinquente, lo prendo. Se cade e si sbuccia un ginocchio, sono c… suoi”.  E ancora: “Idiozie come questa legge espongono le forze dell’ordine al ricatto dei delinquenti”.

Salvini ha aderito alla manifestazione indetta a Roma dalla Polizia per dire no al ddl in discussione in Parlamento che introduce il reato di tortura, definito dal segretario generale del Sap Gianni Tonelli “un vero e proprio colpo di mano contro le forze dell’ordine e contro chi ogni giorno garantisce la sicurezza dei cittadini”.

“Dobbiamo prendere un’iniziativa forte per far capire al governo che non sono le forze dell’ordine a dover essere colpite, ma i criminali. Invece governo e parlamento tutelano di più chi commette i reati rispetto a chi difende i cittadini”: dichiarazioni quelle di Salvini che arrivano alla vigilia della giornata internazionale contro la tortura.

Next Post

Cina, vendita di carne avariata conservata dal 1970

Capita di dimenticarsi qualche cibo in dispensa e ritrovarlo qualche mese dopo, quando ormai è passata la data di scadenza e tocca buttarlo, ma quello che è accaduto in Cina più che incredibile è quasi surreale. Circa 800 tonnellate di carni congelate di contrabbando sono state sequestrate dalle autorità cinesi: la carne […]