Matteo Salvini show al raduno leghista di Pontida

Come ogni anno, sull’ormai tradizionale prato di Pontida, si sono radunati esponenti e sostenitori della Lega nord, per un raduno che a tratti è sembrato quasi più folkloristico che politico.

Il segretario Matteo Salvini ha fatto il suo show dinanzi a quelli che per la stampa erano 15 mila sostenitori radunati, ma per lui oltre 50 mila. Come i numeri anche la realtà è tutta un po’ relativa nell’ottica leghista: Salvini ne ha per tutti, per il Premier Renzi, per Papa Francesco, per gli immigrati e i rom, per tutti quaanti non condividono lo stesso pensiero insomma.

La grande novità dell’edizione 15 è la ruspa parcheggiata sull’erba, nuova icona del movimento che però, promette Salvini dal palco, deve servire ad asfaltare il governo Renzi prima dei pur odiati campi rom. E poi magliette con la scritta “+rum -rom”’, cartelli “Salvini da clonare”, e cartelloni simili in stile cortei scolastici.

I bersagli sono l’«infame» legge Fornero, gli immigrati che non sono profughi ma clandestini, gli studi di settore, la Ue «covo di criminali», ovviamente Renzi e perfino Fedez. Ma risuonano soprattutto le parole dette nei confronti del Pontefice, che nei giorni scorsi aveva invitato alla solidarietà e all’accoglienza.

“Mi fa piacere che oggi il Papa a Torino abbia trovare il tempo di incontrare dei Rom: sono sicuro che avrà incontrato anche torinesi sfrattati ed esodati”, ha esordito, per poi continuare con “non mi permetterei di attaccare mai il Papa ma rispetto chiama rispetto: è giusto che il Pontefice chiami aiuto per tutto il mondo, ma altrettanto giusto che chi è pagato dai cittadini italiani pensi prima pensi ai cittadini italiani. Uomo si ma fesso no, cristiano si ma autolesionista no”.

Next Post

Napoli, arrestato il boss della Camorra latitante Luigi Cuccaro

Il desiderio di festeggiare il suo onomastico assieme alla sua famiglia si è rivelato un errore fatale per il boss Luigi Cuccaro,42 anni, latitante dal 2013 e tratto in arresto la scorsa notte dai Carabinieri di Napoli. I carabinieri di Torre Annunziata (Napoli) hanno infatti arrestato il latitante reggente dell’omonimo […]