Meeting CL, chiuso lo stand dei domenicani e sospesi dibattiti gender

Nelle scorse ore vi avevamo raccontato le dichiarazioni, a suo dire con fondamento scientifico, di padre Giorgio Carbone, che durante il Meeting Cl ha spiegato alla platea come essere gay influenzasse anche la salute psico fisica: citando una ricerca danese, aveva spiegato che gli omosessuali si ammalano più facilmente, sono soggetti ad ictus, e sono più propensi a suicidarsi.

Le dichiarazioni ci avevano lasciati a dir poco basiti, ma evidentemente non solo a noi: subito sul web è montata la protesta, tanto che l’organizzazione del Meeting si è espressa prendendo le distanze dalle parole di Padre Carbone.

Il Meeting di Comunione e Liberazione di Rimini ha difatti chiuso lo stand dei domenicani, in cui erano previsti gli incontri sulla “teoria gender”. La motivazione ufficiale è quella di evitare la sovrapposizione di dibattiti ed eventi nel già ricco programma della manifestazione, ma la connessione con le citate dichiarazioni appare lampante.

Sospesi i dibattiti e silenziati i microfoni, restano comunque i libri editi dai religiosi, dai titoli inequivocabili: “Gender distruzione”, “I veleni della contraccezione”, “Pillole che uccidono”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Aids, in Italia una persona su tre non sa di essere contagiata

Nonostante negli anni il problema dell’Hiv sia stato ampiamente trattato, e le…

Il sexting migliora l’affinità di coppia

Una volta era un argomento tabù, o comunque era considerata una pratica…