Migranti, UE: uso della forza su scafisti e controlli alle frontiere

Eleonora Gitto

Germania, Austria e Slovacchia hanno deciso per introdurre controlli temporanei alle frontiere, mentre la UE decide per l’uso della forza contro gli scafisti che trasportano i migranti.

La Germania ha deciso di ripristinar i controlli alle frontiere. La decisione ha consentito al servizio di funzionare in maniera del tutto normale soprattutto nei pressi della frontiera austriaca.

Resta chiusa la linea tra Salisburgo e Monaco di Baviera, ma solo fra Salisburgo e Freilassing, giacché risulta ancora occupata in alcuni tratti da migranti.

Anche Austria e Slovacchia hanno deciso per i controlli temporanei alle frontiere. La Slovacchia ha intensificato i controlli alla frontiera con l’Ungheria e Austria.

Per il Ministro dell’Interno polacco si tratta solo di una decisione conseguenziale a quella tedesca.

C’è una differenza, però, non proprio trascurabile: i tedeschi hanno informato Bruxelles dell’intervento alle frontiere, Vienna e Bratislava no.

Non a caso dalla Commissione UE prendono le distanze informando che a Bruxelles non è arrivata notifica alcuna.

La leader francese del Front National, Marine Le Pen non è da meno e chiede al suo governo di fare altrettanto: “Sospenda con urgenza gli accordi di Schengen e ripristini – dice Marine Le Pen – le sue frontiere, in particolare, con la Germania”.

E mentre i Paesi europei mormorano in coro: “Non passa lo straniero”, dalla UE arriva l’autorizzazione all’avvio “della fase 2 della missione navale che prevede l’uso della forza contro gli scafisti nel Mediterraneo”.

Next Post

Legge di Stabilità, Renzi: dal 2017 si pagherà la digital tax

Legge di Stabilità: dal 2017 sarà introdotta una digital tax per contrastare l’evasione fiscale da parte dei colossi del Web, così ha annunciato il Premier Matteo Renzi trasmissione televisiva Otto e mezzo in onda su La7. Fra le novità introdotte dalla Legge di Stabilità, dunque, troviamo anche la “digital tax”. […]
Legge di Stabilità, Renzi dal 2017 si pagherà la digital tax