Milano, donna romena accusa: “Ho perso il bambino per una manganellata della polizia”

Tiene banco a Milano il caso della donna romena 37enne, che denuncia di aver perso il bambino in grembo a causa di una manganellata della polizia ricevuta durante gli scontri in piazza tra forze dell’ordine e occupanti abusivi delle case. Martedì scorso, dopo lo sgombero di due centri sociali, si sono verificati dei violenti tafferugli scoppiati in zona Corvetto. La Procura di Milano ha disposto che vengano effettuati degli accertamenti medico-legali sulla donna per verificare cosa sia realmente accaduto.

Gianluca Prisco, il pm a cui è stato affidato il caso, ha disposto un’autopsia sul feto e ha chiesto di ottenere i video relativi agli scontri verificatisi in via Ravenna, oltre che alle cartelle cliniche e le ecografie. La Procura ha affermato che verranno portati avanti tutte le indagini necessarie, e che la polizia locale aprirà un’inchiesta per cercare di capire cosa sia realmente accaduto e se c’è stato un abuso di potere da parte degli agenti.

Tuttavia da quanto trapela dalle fonti ospedaliere però sul corpo della donna non sembrano esserci ecchimosi o altre lesioni sul corpo della donna, quantomeno non sarebbero compatibili con un colpo di manganello. La stessa donna non ha presentato una denuncia formale, poiché essa stessa sarebbe un’occupante abusiva secondo fonti legali.

 

Loading...
Potrebbero interessarti

L’Italia sotto l’acqua. Disagi ovunque

Acquazzoni violenti, vento forte, e pioggia tanta. Da ore l’Italia è attraversata…

Usa, tragedia in Oklahoma: bimbo di tre anni trova una pistola e uccide la mamma

Terribile tragedia aTulsa, una città in Oklahoma negli Stati Uniti. Un bambino…