Milano, due egiziani cercavano di uccidere la figlia disabile di 4 anni
Nerviano ragazzo in coma dopo una serata alcolica

Ogni volta che sentiamo di un bambino maltrattato, abusato, addirittura ucciso, ci ripetiamo che non esiste nulla di peggio al mondo, e poi puntualmente ci ritroviamo a stupirci di quanto la malvagità umana non abbia confini.

L’aberrante storia che vi raccontiamo oggi viene da Milano, e protagonista è una bimba “speciale” di quasi 4 anni, con una grande sfortuna capitatale nella sua giovanissima vita: essere figlia di persone che la consideravano peggio di un animale.

“Odio mia figlia, metto il veleno nel suo mangiare. La scimmia è un grosso problema”: questa è solo una delle intercettazioni registrate dalla polizia locale tra i genitori della bambina disabile picchiata e maltrattata. In alcune conversazioni propongono di soffocare la bimba, di annegarla o avvelenarla.

Le indagini che hanno portato al fermo dei genitori della bambina sono iniziate a metà maggio, quando il padre ha accompagnato la figlia all’ospedale Fatebenefratelli per un dolore al braccio: i medici si sono accorti attraverso una radiografia che la piccola aveva una frattura scomposta con una calcificazione in corso e risalente a 3-4 settimane prima, e che aveva molti altri lividi addosso.

La coppia di 29enni egiziani è stata arrestata venerdì appena salita assieme agli altri quattro figli (dall’uno e mezzo agli 8 anni) su un autobus partito dalla stazione Centrale per raggiungere l’aeroporto di Malpensa, dove avrebbero preso in serata un volo di sola andata per l’Egitto.

Loading...
Potrebbero interessarti

Agnese Renzi, l’insegnante precaria bacchetta il marito

Agnese Renzi, insegnate precaria in fila insieme con altri colleghi, bacchetta il…

Islam, inizia il Ramadan per i milioni di musulmani nel mondo

I musulmani di tutto il mondo sono pronti oggi ad intraprendere il…