Militare accusato dello stupro della 16enne continua a negare

Era in servizio a La Spezia Giuseppe Franco, 31 anni, originario del cosentino, l’uomo accusato di aver violentato una ragazzina sedicenne a Roma, dopo essersi finto un appartenente alle forze dell’ordine.

Invece Franco è un appartenente alla Marina Militare, e i suoi colleghi proprio non riescono a crederci. «Io sono stato imbarcato con lui sulla Grecale. Beppe è un motorista, un militare per vocazione, non uno che è entrato nella Marina perché non sapeva che fare – spiega un commilitone che vuole rimanere anonimo – abbiamo partecipato insieme ad una missione umanitaria nel Mediterraneo. So che si è difeso, dicendo che il rapporto è stato consenziente. Voglio pensare che sia innocente, non è capace di stuprare una ragazzina».

L’uomo – che ha trascorso la sua prima notte in stato di fermo a Rebibbia – da parte sua continua a negare di essersi finto un poliziotto per tendere la trappola alla giovane e condurla in un luogo appartato per aggredirla, e quindi nega di averla violentata senza il suo consenso.

“La ragazza era consenziente”, ha ribadito nell’interrogatorio di garanzia, mentre il gip Giacomo Ebner si è riservato sulla richiesta di convalida del fermo e sull’emissione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere.  Nelle prossime ore il provvedimento del giudice sarà comunque depositato.

Next Post

Salvini si spinge fino al profondo sud e visita la Calabria

Certo che a Matteo Salvini l’avere la faccia tosta non glielo si può proprio negare: da massimo esponente della Lega Nord, che ha portato avanti tutte le sue campagne elettorali chiedendo la secessione del sud Italia dal resto della penisola, è arrivato fin in Calabria con la sua nuova campagna […]