Modena, nonni troppo invadenti denunciati per stalking dalla figlia

In genere quando si pensa allo stalking si immaginano scenari apocalittici, con appostamenti sotto casa, violenze e minacce fisiche o verbali, chiamate nel cuore della notte e una paura costante di incontrare il proprio persecutore, ed invece a Modena sono stati condannati per il medesimo reato anche una coppia di arzilli nonni.

Perché può essere considerato come una persecuzione anche l’essere troppo invadenti nella vita di figli e nipoti: la figlia aveva segnalato alle forze dell’ordine dal 2010 le telefonate insistenti e gli appostamenti da parte dei genitori, una coppia di 70 e 69 anni, decisi a intromettersi nell’educazione dei bambini.

Dalla denuncia di figlia e genero è nato così un processo, all’inizio portato avanti per stalking, e nel corso delle udienze poi trasformato in un’accusa di molestie.

I due anziani coniugi sono stati così alla fine condannati a due mesi di reclusione ciascuno, ma la pena è poi stata sospesa. “Noi volevamo semplicemente vederli – hanno sempre sostenuto i nonni riferendosi ai nipotini – ed era un nostro diritto”.

L’avvocato dei due anziani ricorrerà in appello.

Next Post

Pesaro, fermati due albanesi per l’omicidio del 17enne Ismaele

Un’altra tragedia, una ennesima vita spezzata nel fiore degli anni, stavolta a Pesaro, ed intorno all’omicidio al momento si sa poco o nulla. Un giallo fittp, ancora tutto da chiarire: continuano le indagini sulla morte di Ismaele Lulli, il 17enne sparito domenica e ritrovato cadavere con un profondo taglio alla […]