Morta Paula cooper, si è suicidata

Paula Cooper, la più giovane condannata a morte nella storia degli Usa, il simbolo delle campagne contro la pena di morte negli Stati Uniti, si è uccisa a 45 anni. La donna, finita nel braccio della morte, a Indianapolis, allora 16enne, fu graziata, la sua condanna fu poi commutata in carcere e infine Paula fu liberata per buona condotta.

Aveva solo 15 anni quando assassinò Ruth Pelke, un’insegnante di religione di 78 anni, a 16 venne condannata alla sedia elettrica. Il caso suscitò grande scalpore in tutto il mondo portando alla luce una legge che ammetteva la pena di morte per i minori sopra i dieci anni.

Paula ha vissuto per tre anni nel braccio della morte, al termine dei quali le fu concessa una pena di 60 anni di reclusione, poi ridotti a 27 per buona condotta.

Anche Papa Giovanni Paolo II chiese la grazia per lei e, su iniziativa di Ivan Novelli e di Paolo Pietrosanti, vennero raccolte due milioni di firme che furono presentate all’Onu per la richiesta di clemenza.

Loading...
Potrebbero interessarti

Cina, un fiume ricoperto interamente di schiuma di detersivo

Un fiume in Cina è stato compleamente coperto da schiuma, dopo che diverse tonnellate di detersivo…

Muore e dispone l’uccisione del suo cane per seppellirlo con lui

I veterinari e le pompe funebri della Virginia stanno valutando l’idea di…