Morto suicida Maschio Gaspardo, re delle macchine agricole

Quando si è conosciuti la fama e il successo, è difficile accettare l’idea che un cambio di fortuna ti porti via tutto: non sapere come pagare gli operai, avere scoperti con le banche, essere sulla bocca di tutti può essere troppo umiliante da sopportare.

E di certo lo è stato per Egidio Maschio, imprenditore padovano alla guida della Maschio Gaspardo, azienda che produce macchinari agricoli e che negli ultimi anni, con una crescita impetuosa, era arrivata a realizzare 324 milioni di fatturato.

Ma secondo quanto riferisce il «Corriere del Veneto», l’azienda, che negli ultimi anni aveva affrontato ingenti investimenti, si sarebbe pesantemente indebitata con le banche: decine i milioni di euro che avrebbe dovuto restituire.

A inizio mese l’azienda aveva deciso di affidarsi per la guida manager esterni, con la nomina di Massimo Bordi ex dg di Ducati e vicepresidente di MV Augusta, come nuovo Amministratore Delegato e Paolo Bettin in qualità di Chief Financial Officer, ma evidentemente i problemi erano troppo grossi.

E così l’imprenditore di Campodarsego si è ucciso stamane nella sua azienda a Cadoneghe, alle porte di Padova. Si è sparato con un fucile al petto poco dopo le 6.30 in ufficio, dove era arrivato da poco. Il corpo senza vita è stato trovato da un dipendente.

«Sono sconvolto. Con Egidio Maschio ci lascia un grande imprenditore, ma anche un grande uomo che ha legato la sua storia imprenditoriale e personale al Veneto», queste le parole del presidente della Regione del Veneto Luca Zaia.

Loading...
Potrebbero interessarti

Brescia, trentenne muore in sala parto all’ottavo mese di gravidanza

Un altro episodio di malasanità e ancora una volta in sala parto:…

Ricettopoli, si allarga l’indagine a Cosenza

Oggi i medici devono seguire direttive molto ferree nelle loro prescrizioni, talmente…