Naike Rivelli, dura arringa contro Ilary Blasi

Ancora una volta ha dimostrato di non avere peli sulla lingua, forse alzando anche eccessivamente i toni di una critica che poteva essere ugualmente essere efficace senza trasformarsi in arringa, e ancora una volta ha scelto di farlo attraverso i social, che sono ormai il suo canale privilegiato di espressione.

La “colpa” è del settimanale Chi, che ha messo in giro dei rumors secondo cui la madre della Rivelli, Ornella Muti,  sarebbe sul punto di partecipare alla prossima edizione del Grande Fratello Vip, il reality condotto da Ilary Blasi.

Le voci hanno fatto molto arrabbiare Nike, che su Instagram ha tuonato:  “Capisco che le nuove generazioni sono spesso disperse nella tv trash italiana.. vi mostro il mondo nel quale mi ha cresciuto la mia mamma.. un mondo dove esisteva un cinema Italiano Vero, attori indimenticabili recitazioni sublime.. chiedo a Ilary Blasi di rendersi conto … che marciare su falsa pubblicità infangando un nome così pulito e sacro come quello di Ornella Muti è una mancanza di rispetto della nostra Arte e della Nostra Storia. Sta SOLO A TE- SMENTIRE IMMEDIATAMENTE- anche tu… avrai un social no??? USALO PER DIRE LA VERITÀ CON QUELLE BELLE LABBRONE SEXY CHE HAI… #ilaryblasy #smentisci #presenza #diva #ornellamuti #grandefratello #vip #pip #bananatapir #arriva #per #te @ornellamuti @agenzia_ansa @gossipit @gossiptvofficial @gossipblitz @dagocafonal @espressosettimanale @redazionestriscialanotizia”.

Poi, rivolgendosi a Francesco Totti, scrive ancora: “Io mi domando… con quale coraggio si sponsorizzano dei mostri sacri del cinema internazionale, per promuovere programmi trash di quarta… è un insulto a tutto quello per cui ha lavorato e lottato una diva come mia madre…”.

Loading...
Potrebbero interessarti

Elton John sotto shock per la morte di George Michael

A soli 53 anni nelle scorse ore è scomparso il cantante George…

Doris Day, incredibile scopre di avere 95 anni e non 93

Incredibile ma vero la star di Hollywood, simbolo della generazione dei “classici”…