Napoli, donna del clan D’Amico uccisa a Ponticelli

Dopo una tregua, veramente molto breve tra l’altro, a Napoli si è tornati a sparare, e si spera che questo episodio non sia solamente il primo di una serie di agguati che riaccenderà una guerra di camorra in realtà mai finita.

Una donna, Nunzia D’ Amico, di 37 anni, sorella di un esponente del clan camorristico D’Amico, attivo nella zona orientale di Napoli, è stata uccisa con colpi di arma da fuoco a Ponticelli. Annunziata D’Amico, detta Nunzia, è stata colpita nei pressi di casa. Ad aprire il fuoco sarebbero stati sicari in numero non ancora precisato.

La donna era stata accusata di associazione per delinquere di stampo camorristico e negli ultimi mesi aveva assunto un ruolo di guida nell’organizzazione, decimata da una serie di arresti.

Poche ore dopo, un pregiudicato, Ciro Gioia, 40 anni, è stato ferito sempre a Napoli. L’uomo è stato colpito ad una gamba e la polizia sta cercando ora di accertare se l’episodio sia legato all’uccisione della donna.

I due episodi di oggi sono solo gli ultimi in ordine di tempo di una serie di delitti che nel 2015 hanno segnato faide di camorra riaccese in diverse zone della città, dalla periferia est al centro storico fino ai quartieri della zona occidentale.

Next Post

Pena di morte, uno studente su due in Italia la rivorrebbe

Oggi è la giornata mondiale contro la pena di morte: in troppi paesi del mondo vige ancora la pena capitale come sanzione per i delitti più gravi ed efferati, ma ci sono addirittura ancora paesi dove si mettono a morte persone condannate per imputazioni legate agli stupefacenti, in violazione del diritto […]